* INFORM *

INFORM - N. 10 - 16 gennaio 2003

Lettera aperta di Fassino e D’Alema (DS): "la campagna per i niños di Argentina estesa agli italiani all’estero"

ROMA - "L’Argentina è un paese travolto da una tremenda crisi economica e sociale, di cui non s’intravede ancora una soluzione. Oggi la situazione è drammatica sotto diversi punti di vista. Cresce spaventosamente la povertà anche tra coloro che fino ad alcuni mesi fa erano riusciti a mantenere un tenore di vita accettabile e i bambini - i niños - sono le prime vittime di questa tragedia. E non perché manchino alimenti, ma perché la povertà in cui sono cadute le loro famiglie impedisce di acquistarli". Inizia così la lettera aperta che il segretario nazionale dei DS Piero Fassino e il Presidente del partito Massimo D’Alema hanno indirizzato agli italiani in patria e all’estero, nel quadro della campagna per i niños d’Argentina

"L’Europa – così prosegue la lettera di Fassino e D‘Alema - ha una grande responsabilità, deve ridurre il suo attuale protezionismo, aprendosi alle importazioni argentine, dal momento che questa è la condizione per riattivare l’economia di quel paese. Ma anche l’Italia deve fare molto di più di quanto ha fatto finora perché l’Argentina è un paese al quale siamo legati in modo profondo. Circa il quaranta per cento degli argentini discende da immigrati italiani e una percentuale molto alta di nostri concittadini ha un parente, o un avo, emigrato in quella terra. Siamo, dunque, in un rapporto fraterno con quel paese e sentiamo il dovere di fare qualcosa di concreto di fronte alla sua attuale situazione.

Non possiamo restare inerti di fronte al rischio che dopo la scomparsa di un’intera generazione negli anni ’70 (i trentamila giovani desaparecidos durante la feroce dittatura militare) si ripeta la stessa sciagura. Questa volta una generazione di bambini e di adolescenti argentini potrebbe essere segnata per tutta la vita dalla fame, dalla denutrizione, dalle malattie, dall’emigrazione forzosa.

Per questo motivo, abbiamo promosso una campagna sui niños, basata sulla raccolta di fondi per sostenere le mense popolari delle poverissime province di Buenos Aires e di Rosario. Un pasto lì costa poco meno di un euro e, in questo modo, si possono sfamare migliaia di bambini.

Abbiamo valutato, insieme ad associazioni che da anni fanno cooperazione con l’Argentina e a importanti personalità di quel paese, come Estela Carlotto, storica dirigente delle "nonne" di Plaza de Mayo, e Perez Esquivel, Nobel per la pace, che fosse più utile l’invio di fondi che non quello di generi di prima necessità , in quanto questi generi sono reperibili sul posto.

L’uso delle risorse che verranno inviate, sarà garantito dall’ICEI (Organizzazione italiana Non Governativa e senza scopo di lucro per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo), in collaborazione con il Circolo Enrico Berlinguer di Buenos Aires. La distribuzione degli aiuti internazionali, sarà costantemente verificata in loco dai rappresentanti di queste organizzazioni.

Ci rivolgiamo, dunque, come abbiamo fatto con i cittadini residenti in Italia, anche alle nostre comunità all’estero affinché si manifesti una diretta e concreta solidarietà nei confronti dei niños argentini. Nelle comunità di origine italiana non sono mai mancati disponibilità e sostegno ogni volta che si sia presentato uno stato di necessità o una condizione di sofferenza collettiva. Anche in questo modo si possono rafforzare i vincoli profondi tra tutte le persone di origine italiana, in qualunque parte del mondo esse si trovino a vivere e ad operare.

Fino ad oggi sono stati raccolti oltre 120 mila euro, a testimonianza dell’attenzione e della sensibilità che la campagna verso i niños ha suscitato tra persone di ogni orientamento.

Il nostro augurio - concludono Fassino e D’Alema - è che siano tanti, anche dall’estero, coloro che compiranno un piccolo gesto che possa far diventare realtà l’auspicio di avere in quella terra sofferente "un sorriso in più e un’ingiustizia in meno".

Per contribuire alla campagna per i niños di Argentina, anche dall’estero si può utilizzare: Conto corrente bancario n. 103934 della Banca Popolare Etica,intestato a ICEI – Causale: Campagna Niños di Argentina - ABI 5018 - CAB 12100. Codice Swift IT 25 N050 1812 1000 0000 0103 934. (Inform)


Vai a: