* INFORM *

INFORM - N. 8 - 14 gennaio 2003

Immigrazione clandestina e accordi di riammissione al centro di un incontro alla Farnesina con i Ministri Frattini e Pisanu

ROMA - Il Ministro degli Esteri Franco Frattini e il Ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu hanno incontrato il 14 gennaio alla Farnesina gli Ambasciatori d’Italia in Bangladesh, Bosnia-Erzegovina, Egitto, Iran, Libia, Libano, Senegal e Siria per esaminare il tema dell’immigrazione clandestina e degli accordi di riammissione. All’incontro hanno preso parte anche i Sottosegretari agli Esteri Antonione, Boniver e Mantica.

Negli interventi di apertura il Ministro Frattini e il Ministro Pisanu si sono soffermati sugli aspetti internazionali del contrasto all’immigrazione clandestina, evidenziando l’eccellente collaborazione esistente tra la Farnesina e il Viminale in questo campo. Particolare attenzione è stata riservata all’azione che l’Italia ha svolto per prevenire e contrastare tale fenomeno sia a livello bilaterale nei confronti dei Paesi di origine e transito dei flussi illegali, sia in collaborazione con altri Paesi di destinazione, sia in sede europea. E’ stato posto l’accento sull’opportunità di ampliare la rete già esistente degli accordi di riammissione, che costituiscono lo strumento bilaterale che definisce il quadro giuridico in base al quale si realizzano i rientri in patria degli stranieri irregolarmente presenti sul territorio nazionale.

L’incontro ha permesso un approfondito esame delle questioni concernenti le politiche di contrasto dell’immigrazione clandestina e in particolare degli strumenti disponibili sul piano bilaterale e multilaterale per rilanciare i negoziati in corso in tema di riammissione. Grande rilievo è stato dato alla dimensione europea – in particolare al Consiglio europeo di Siviglia e ai suoi seguiti - per la quale l’Italia ha svolto un’intensa azione in tutte le sedi istituzionali comunitarie, incluso il Consiglio GAI, e che costituirà un elemento di particolare importanza nel corso del prossimo semestre di presidenza italiana dell’Unione europea. (Inform)


Vai a: