* INFORM *

INFORM - N. 7 - 13 gennaio 2003

Zacchera (AN): a rischio la nostra Ambasciata in Pakistan

ROMA - Quanto è a rischio la nostra ambasciata ad Islamabad? Lo chiede con una interrogazione parlamentare l’on. Marco Zacchera, responsabile nazionale del dipartimento esteri di AN, che sottolinea come l’Italia sia praticamente l’unica nazione europea a non avere una ambasciata in Pakistan con un adeguato livello di sicurezza.

Zacchera - che ha personalmente visitato di recente la nostra sede diplomatica - ricorda che a meno di dieci metri dall’ambasciata è stato costruito un centro islamico dal quale, volendo, si potrebbe sparare direttamente alla scrivania del nostro ambasciatore. "La villetta presa in affitto in cui si è provvisoriamente installata l’ambasciata da un decennio - sottolinea Zacchera - non è assolutamente più adeguata alle necessità sia diplomatiche che consolari ma, soprattutto in questo momento di acuta tensione internazionale, è in obiettive problematiche condizioni di sicurezza".

Da anni, ricorda Zacchera, è stato acquistato a Islamabad un terreno nel campus delle ambasciate occidentali, ma l’Italia è l’unica a non aver realizzato una nuova struttura diplomatica dopo il trasferimento della capitale pakistana da Karachi a Islamabad. In Pakistan, dove la tensione antioccidentale è palpabile, sono purtroppo all’ordine del giorno aggressioni ed attentati contro gli occidentali e le chiese cristiane che anche di recente hanno causato numerose vittime. (Inform)


Vai a: