* INFORM *

INFORM - N. 5 - 9 gennaio 2003

Tremaglia: "il Tricolore è un simbolo da sventolare con orgoglio. Grazie al Capo dello Stato per aver rilanciato la Giornata Nazionale della Bandiera"

ROMA - Il Ministro per gli Italiani nel mondo, on. Mirko Tremaglia, ha espresso, a nome della grande comunità dei connazionali all’estero, "sentimenti di viva riconoscenza" al Capo dello Stato per la decisione di rilanciare la Giornata Nazionale della Bandiera. "Il Tricolore - ha affermato Tremaglia - è il vessillo al quale i nostri emigrati guardano con eccezionale amore. Esso incarna il solido legame che unisce chi ha dovuto lasciare la Patria in cerca altrove di fortuna con le proprie radici". Occorre tuttavia, secondo il Ministro, che anche in Italia "la bandiera diventi un simbolo da sventolare con orgoglio, emblema di quell’unità capace di andare oltre ogni divisione che sola può tenere alto il nome del nostro Paese in Europa e nel mondo".

Tremaglia ha fatto riferimento, in particolare, al richiamo al Risorgimento nazionale da parte del Capo dello Stato: "Quei valori - ha spiegato - debbono diventare il baluardo di quella politica del dialogo che il Presidente Ciampi non si stanca di richiamare come condizione imprescindibile per costruire una Nazione che, si legge nel suo messaggio, deve fare di più e meglio nell’accrescere il proprio sviluppo e nel diffonderlo nelle varie regioni, nel mondo".

Il pensiero di Tremaglia è quindi corso, ancora una volta, alle comunità degli italiani all’estero: "Il loro amore all’Italia e al Tricolore ci è di insegnamento e di monito. La bandiera non è un inutile orpello ma una colonna portante del nostro Paese, come di ogni Nazione del mondo, da onorare perché essa porta incisi nei suoi colori l’anelito alle libertà civili che dei Padri fondatori della Patria e la speranza di indipendenza e fratellanza sbocciata tra cittadini dalle vicissitudini diverse". (Inform)


Vai a: