* INFORM *

INFORM - N. 245 - 20 dicembre 2002

A Campobasso la prima personale in Italia del fotografo Frank Monaco

CAMPOBASSO - Il 27 dicembre 2002, alle ore 17, nella Pinacoteca Dinamica della Provincia di Campobasso, si inaugurerà la prima personale italiana del fotografo di origine molisana Frank Monaco, intitolata "Obiettivo sull’anima". L’inaugurazione sarà preceduta dalla presentazione del catalogo, al quale hanno contribuito il critico Wladimiro Settimelli, il giornalista Tarquinio Maiorino, il direttore della fotografia di The Times di Londra, Norman Hall, e il prof. Norberto Lombardi. Il catalogo è stato pubblicato dall’editore Cosmo Iannone di Isernia.

La mostra, organizzata dal Centro di Studi sui Molisani nel Mondo nel quadro del progetto "Il Molise fuori dal Molise – Ieri Emigranti, oggi Protagonisti", è stata promossa dagli Assessorati per i Molisani nel Mondo della Regione Molise, della Provincia di Campobasso e della Provincia di Isernia e dai Comuni di Campobasso, Isernia e Termoli. Essa sarà aperta a Campobasso dal 27 dicembre 2002 al 25 gennaio 2003 (ore 10-13 e 16,30-19,30). In collaborazione con l’Istituto Regionale di Ricerche Educative del Molise, alla riapertura delle scuole, sarà offerta come occasione di formazione agli studenti di vari livelli.

La personale raccoglie circa 230 immagini che ripercorrono l’intera esperienza professionale di Frank Monaco ed è divisa in otto sezioni (Molise/Italia/Altarini/Inghilterra/Monaci e monache/India/India: La Casa di Dio/Varie). Dopo le mostre realizzate negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in India, in Estonia e in altri paesi del mondo, questa è la prima volta che Frank Monaco, le cui immagini sono state finora pubblicate da oltre 450 giornali e riviste di tutto il mondo, espone in Italia, dove ha vissuto nella prima metà degli anni ’50 e dove torna con grande frequenza per ragioni di lavoro e per legami di parentela e di amicizia.

Frank Monaco è nato a New York il 27 dicembre del 1917, da una famiglia di emigrati molisani. Ha partecipato alla seconda guerra mondiale, fino al congedo dovuto ad una ferita alla mano destra. Dopo avere frequentato corsi di arte e di giornalismo alla New York University, arriva a Roma nel 1950 per ricevere lezioni di arte. Durante alcune visite in Molise ai parenti materni, scatta alcune foto di contadini molisani che poi fa casualmente vedere al pittore Afro, di cui era diventato amico. Afro lo indirizza decisamente verso questa nuova strada, che diventa la sua fondamentale attività. Queste foto sono oggi una delle più importanti testimonianze estetiche ed antropologiche della società molisana e meridionale agli inizi degli anni ’50. Nel ’55 si sposta a Londra, dove poco dopo avvia la collaborazione con la rivista cattolica Jubilee, che dura oltre un decennio. Si lega all’Agenzia "Rex Features" che dai primi anni ’60 gestisce il suo portafoglio d’immagini. La collaborazione con Jubilee lo porta ad indagare con particolare interesse ed insistenza i luoghi della spiritualità e della sofferenza. Per la sua attività gira il mondo e, in particolare, torna diciotto volte in India, di cui ritrae le manifestazioni della vita sociale e, soprattutto, della vita religiosa.

I critici che si sono interessati alla sua opera hanno sottolineato la particolare sensibilità che accompagna la sua visione del mondo, il suo realismo rigoroso e gentile, la strutturazione dell’immagine intorno a nuclei di interesse psicologico ed umano, la sua "religiosità" fatta di accettazione e di rispetto per le cose e per gli uomini. Una selezione delle foto di Frank Monaco è nella collezione permanente del Victoria & Albert Museum. Ha fornito immagini per il libro The Irish di Tom O’ Hanlon e pubblicato They Dwell in Monasteries (1982), The Women of Molise – An Italian Village 1950 (2000), Brothers and Sisters (2001). Il giorno dell’apertura della mostra coincide con quello dell’ottantacinquesimo anniversario del grande fotografo di origine molisana e sarà, dunque, anche l’occasione per sottolineare il suo lungo e significativo percorso professionale ed artistico. (Inform)


Vai a: