* INFORM *

INFORM - N. 244 - 19 dicembre 2002

L’Italia e la situazione di crisi della Colombia

Dichiarazioni del Sottosegretario agli Esteri Mario Baccini alla Commissione straordinaria parlamentare per i diritti umani

ROMA - Conflitto interno tra Stato e gruppi di guerriglieri, lotta armata e presenza di gruppi illegali come quelli dei paramilitari o dei narcotrafficanti sono i principali problemi della Colombia esposti il 18 dicembre dal Sottosegretario agli Affari Esteri Mario Baccini alla commissione straordinaria parlamentare per i diritti umani.

"Il programma del nuovo Presidente Alvaro Uribe Velez - secondo il Sottosegretario Baccini - è particolarmente orientato alla ricerca della sicurezza democratica, di un equo sviluppo, di un incremento dei livelli di governabilità e in particolare a una serrata lotta contro la corruzione e il narcotraffico, due ostacoli gravissimi per l'ordine pubblico, il benessere e la distensione sociale nel paese"

"La crisi colombiana - ha aggiunto Baccini - rappresenta un elemento di grave instabilità per l’intera area latino-americana. L’Italia, al pari degli altri partners europei, ritiene che la politica del Presidente Uribe vada appoggiata, e siamo parimenti convinti dell’utilità di un ruolo attivo delle Nazioni Unite. Il governo italiano incoraggia pertanto le autorità di Bogotà a rispettare le raccomandazioni dei competenti organi internazionali in tema di rispetto dei diritti umani, soprattutto con riferimento alla necessità di contrastare e smantellare i gruppi paramilitari indicati quali principali responsabili delle violazioni dei diritti umani.

"L’Italia - ha concluso Baccini - è sempre più convinta del fatto che la crisi colombiana e le sue possibili soluzioni vadano inquadrate in un contesto regionale e con un approccio che non si limiti alla pur necessaria azione repressiva ma che esamini le cause di fenomeni quali guerriglia e narcotraffico. La certezza del diritto, il rafforzamento delle istituzioni democratiche, la lotta alla povertà, la riforma agraria, la riduzione delle diseguaglianze sociali sono condizioni irrinunciabili per un effettivo superamento della crisi". (Inform)


Vai a: