* INFORM *

INFORM - N. 234 - 5 dicembre 2002

Convenzione ONU sui diritti dei migranti e delle loro famiglie

Si apre anche in Italia una campagna per promuovere la ratifica della Convenzione

ROMA - Per iniziativa dell’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e dell’OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) anche in Italia ci si sta mobilitando per sollecitare la ratifica da parte di almeno 20 Stati; il numero teoricamente è sufficiente perché la ratifica prenda carattere giuridico e diventi operativa. Non è difficile giungere al numero indicato dal momento che gli Stati che hanno già proceduto alla ratifica sono 19, ma tutti appartengono ai Paesi emergenti o Terzo mondo. Non c’è nessuno dei Paesi ad alto sviluppo economico fra questi 19 ed in particolare non c’è nessun membro dell’Unione Europea. L’obiettivo della campagna è quello di smuovere questi Paesi e possibilmente la stessa l’UE perché assumano le loro responsabilità.

Allo scopo e in vista di una conferenza stampa viene organizzata il 17 dicembre, alle ore 11.00, presso la sede italiana dell’OIL (Via Panisperna 28, Roma) una tavola rotonda, cui hanno già aderito la Federazione delle Chiese Evangeliche, la Fondazione Migrantes, la Caritas Italiana, la Casa dei diritti sociali, le tre Confederazioni sindacali. Si sollecitano altri organismi a partecipare alla tavola rotonda.

Nella lettera di invito, inviata dall’OIL a nome del Comitato organizzatore, si legge: "Tale iniziativa si inserisce nell’ambito della Campagna globale per la ratifica della Convenzione ONU sui diritti dei migranti e delle loro famiglie del 18 dicembre 1990. A livello internazionale la campagna è rappresentata da un Comitato Direttivo con sede a Ginevra di cui fanno parte sedici referenti tra organizzazioni internazionali, ONG, associazioni e sindacati. In particolare, la campagna intende sensibilizzare la comunità internazionale su queste tematiche e, in tal senso, dovrebbe trovare espressione nelle realtà nazionali dei singoli paesi. A tal fine, i promotori dell’iniziativa in Italia hanno il piacere di chiedere la Sua disponibilità ad intervenire all’incontro in oggetto per valutare insieme possibili azioni comuni a sostegno di questa campagna di informazione e di sensibilizzazione a livello nazionale da realizzare nel corso del 2003. (Migranti press/Inform)


Vai a: