* INFORM *

INFORM - N. 227 - 27 novembre 2002

Mostre e conferenze su Garibaldi organizzate in Brasile dall'Istituto Italiano Fernando Santi

PORTO ALEGRE - Ancora due mostre accompagnate da altrettante conferenze hanno caratterizzato l'impegno dell'Istituto Italiano Fernando Santi nel portare avanti le iniziative in corso in America Latina per commemorare il 120° anniversario della morte di Giuseppe Garibaldi.

Dopo il successo ottenuto in Argentina, il primo appuntamento in Brasile si è svolto a Porto Alegre presso l'Assemblea Legislativa dello Stato del Rio Grande do Sul con la relazione del Presidente dell'Istituto, Luciano Luciani, riguardanti le gesta più significative di Giuseppe Garibaldi in America e in Italia. Si sono succeduti numerosi interventi da parte di esperti e specialisti e di esponenti delle L'iniziativa ha toccato i vertici di partecipazione di pubblico a Laguna, città natale di Anita Garibaldi. La delegazione dell'Istituto Santi si è incontrata con la delegazione della città di Ravenna per la concomitante manifestazione di gemellaggio tra Laguna e Ravenna nel ricordo di Anita. Il successo della mostra su Anita e Giuseppe Garibaldi è stato notevole. L’illustrazione delle gigantografie raffiguranti le fasi salienti dell'epopea garibaldina e dei personaggi legati all'Unita d'Italia sono state illustrate da Luciani, dal Presidente dell'Associazione Culturale Italiana di Rio Grande do Sul Adriano Bonaspetti e dal Sindaco di Laguna Adilicio Cadorin entrambi autori di diverse pubblicazioni su Anita e Giuseppe Garibaldi. Le 18 riproduzioni di dipinti relative a battaglie gloriose ma anche a momenti di difficoltà vissuti da Garibaldi, a conclusione della mostra sono state donate al Museo di Laguna. Nella serata conclusiva hanno intrattenuto il numeroso pubblico presente, l'attore cabarettista cefaludese Antonio Augello e il cantante lagunense Joao Rodrigues jr. con il locale coro di S.Antonio.

La manifestazione conclusiva sull'epopea garibaldina si è tenuta al Circolo Italiano di Sao Caetano do Sul. (Enzo Cesare-Inform)


Vai a: