* INFORM *

INFORM - N. 222 - 21 novembre 2002

Rinnovo dei Comites - Perplessità di Zuccarello (CGIE/Comites Los Angeles): "ora con legge vecchia o nuova o in coincidenza con le politiche"

LOS ANGELES - Nel corso della scorsa riunione della Commissione Anglofona, insieme agli altri Consiglieri degli USA ho votato contro lo slittamento delle elezioni per il rinnovo del Comites insistendo di tenerele al prossimo giugno, anche se la nuova legge di non dovesse essere approvata in tempo utile. A favore dello slittamento hanno votato quasi all’unanimità (ad eccezione di Consiglio e Pinna) i Consiglieri del Canada, Sud Africa e Australia per un motivo molto semplice, in quanto non sono stati eletti a suffragio, bensì sono di nomina consolare. Non hanno una base di supporto, non hanno affrontato la competizione elettorale e le spese relative di propaganda, raccolta delle firme ecc. e temono giustamente di perdere l'incarico.

Mi ha spinto a votare a favore del rinnovo, anche con la vecchia legge, la necessità di dare nuovo impulso all'organizzazione cambiandone i componenti, introducendo leve nuove e più giovani che apportino idee e slancio all'attività.

D'altro canto non nascondo anche delle perplessità che mi sono sorte allorquando ho comunicato alla comunità l'eventualità di andare alle elezioni con la vecchia legge. L' impressione che ne ho tratto è che l’affluenza alle urne sarebbe limitata; il Comites che ne verrebbe fuori, a parte i personaggi nuovi, sarebbe ancora bloccato dal vecchio collante, dalla cronica mancanza di fondi per operare e dai i problemi che tutti conosciamo, continuando a deludere le aspettative. Dimostrerebbe anche una inefficienza del CGIE che in più di sei anni non è riuscito a far approvare la legge del rinnovo dei Comites.

Sono contrario al rinvio, inoltre, anche in quanto il rinnovo del CGIE è legato a quello dei Comites e in assenza di questo, presumibilmente, anche il rinnovo del CGIE verrebbe rinviato di un anno.

A questo punto farebbe senso l'eventualità proposta da Micheloni di rinviare le elezioni dei Comites e del CGIE a quelle politiche con l'attesa che queste siano trainanti per il rinnovo dei Comites e del CGIE che sarebbero più in linea con l'espressione politica del momento.

Insisto, in conclusione, per il rinnovo dei Comites a giugno del 2003 anche con la vecchia legge. Qualora questo non fosse possibile, basta con questo tira e molla, che venga tutto rinviato in concomitanza con le elezioni politiche dando anche l'oppurtunità di una rivisitazione della legge. (Giovanni Zuccarello, Consigliere CGIE, Presidente Comites Los Angeles)

Inform


Vai a: