* INFORM *

INFORM - N. 220 - 19 novembre 2002

Fatiga (UIM/CGIE) al Ministro Frattini: "la riforma dei Comites va attuata subito"

ROMA - IL Segretario generale dell’Unione Italiani nel Mondo Franco Fatiga, componente del CGIE, nel fare gli auguri di "buon lavoro" al neo Ministro per gli Affari Esteri Franco Frattini, coglie l’occasione per lamentare la mancata presentazione in Parlamento, da parte del Governo, del disegno di legge sulla riforma dei Comites. "E’ da mesi - osserva Fartiga - che il progetto, approvato dal CGIE dopo una capillare consultazione con tutti i Comites e fatto proprio dal Ministro per gli Italiani nel mondo, non riesce a trovare la richiesta concertazione interministeriale".

"Dov’è l’intoppo?- si chiede il Segretario dell’UIM -. Nel Governo c’è qualche orchestrale che suona uno spartito diverso? Se il concerto dovesse arrivare fuori tempo allora qualcuno ci spiegherà che, a scadenza, il rinnovo dei Comitati dovrà effettuarsi in base alla legge oggi in vigore. Sarà una ennesima beffa per i nostri connazionali all’estero e aumenterebbe la loro sfiducia nelle stesse istituzioni democratiche dell’Italia. L’Unione Italiani nel Mondo è convinta che la riforma dei Comites vada attuata subito. Se nel Governo ci fosse una positiva volontà politica in tal senso, ancora ci sarebbero i tempi tecnici per essere approvata dai due rami del Parlamento".

"Signor Ministro - conclude Fatiga - ci rivolgiamo a Lei, anche nella qualità di Presidente del CGIE, per far emergere il progetto di riforma dalle secche in cui si è incagliato e per ridare vitalità a questi organismi rappresentativi dei vari interessi della nostra gente che vive all’estero. Per la UIM le elezioni per il rinnovo dei Comites si devono tenere comunque con la nuova legge". (Inform)


Vai a: