* INFORM *

INFORM - N. 213 - 8 novembre 2002

Terremoto in Molise: dal Veneto tecnici specializzati e psicologi

VENEZIA - La Protezione Civile del Veneto sta per dare il primo cambio ai volontari della Regione che operano in Molise, su richiesta del Dipartimento nazionale, sin dalla notte tra giovedì 31 ottobre e venerdì 1° novembre ,nelle zone di Montorio dei Frentani e poi di Larino.

Sul posto erano stati inviati soprattutto esperti nel coordinamento dei soccorsi, ma anche tecnici che stanno contribuendo alla verifica statica degli edifici nelle zone terremotate - fa presente l’assessore regionale alla protezione civile Massimo Giorgetti - ora si tratta invece di affinare la macchina dei soccorsi in maniera estremamente flessibile ed efficace, sulla base delle esigenze riscontrate e con una visione orientata ad interventi di medio periodo.

L’azione operativa riguarderà soprattutto l’invio di squadre di tecnici specializzati (idraulici, elettricisti e impiantisti), in grado di operare autonomamente e su richiesta, mentre stiamo predisponendo - sottolinea Giorgetti - un gruppo di psicologi, specializzato nelle emergenze, che opererà in stretto contatto con quello già attivato dal Molise e che dovrà portare un aiuto concreto su un versante che rischia di essere il più difficile: quello del post terremoto e di tutto ciò che comporta affrontare una sorta di nuova "normalità", che si propone però in condizioni profondamente anomale e diverse.

Si tratterà di assistere da un lato i bambini ma anche gli insegnanti nella fase del ritorno a scuola, dall’altro le famiglie che invece li hanno persi e che sono chiamate ad affrontare un momento difficilissimo, dall’altro ancora una popolazione per la gran parte sotto choc, che andrà aiutata a superare nel più breve tempo possibile lo stress derivato dal sisma.

Il primo gruppo è composto da volontari della provincia di Padova, che si attesteranno nei tre comuni dove ne è stata richiesta la presenza, cui daranno il cambio i volontari di altre province del Veneto con turni di una quindicina di giorni. Sono state anche allertate, qualora ne sia necessario l’impiego, le squadre di Venezia specializzate in beni architettonici. (Inform)


Vai a: