* INFORM *

INFORM - N. 212 - 7 novembre 2002

Trentino e Catalogna unite dal progetto Smart

TRENTO - È arrivata a Trento una delegazione della Valles Oriental, ente locale formato da 43 cittadine che gravitano attorno alla città di Barcellona, in Catalogna. La visita costituisce il momento di avvio del progetto europeo Smart - adottato sulla base del programma comunitario Misure - il quale si propone di sviluppare lo scambio di esperienze e buone pratiche in materia di innovazione tecnologica.

A dare il benvenuto alla delegazione catalana, guidata dal presidente della Valles Oriental Antoni Connellas, sono stati il 7 novembre nella sede della Camera di Commercio il dirigente provinciale del dipartimento Rapporti comunitari e relazioni esterne Carlo Basani, assieme alla responsabile del servizio Rapporti comunitari Giovanna Fambri e ai suoi collaboratori, e il dottor Gianluca Salvatori, che si occupa delle politiche di internazionalizzazione poste in essere dalla Camera di Commercio.

"Catalogna e Trentino - ha detto Basani, portando ai presenti i saluti dell’assessore alle politiche comunitarie Remo Andreolli - sono territori che hanno in comune un’antica tradizione autonomistica. Questo senza dubbio ci aiuterà a raggiungere gli obiettivi previsti dal progetto Smart, a cui aderiscono anche altri soggetti europei, come la società di consulenza Ared, che coordina sei Patti territoriali nella regione austriaca della Stiria, il Comite de Bassin d’Emploi du Pays d’Apt, che si occupa della creazione di reti di supporto per le piccole e medie imprese nella Haute Provence in Francia, e il centro di sviluppo rurale dell’Università di Upsala".

È toccato poi a Salvatori illustrare agli ospiti le caratteristiche del sistema economico trentino, insistendo in particolare su alcuni elementi qualificanti: la forte presenza dell’impresa cooperativa, l’assenza di distretti industriali veri e propri, il basso tasso di disoccupazione, l’attenzione riposta negli ultimi anni dalla Provincia autonoma allo sviluppo della ricerca scientifico-tecnologica, ai fini di favorire la nascita di nuova imprenditorialità ma anche di attirare in Trentino imprese e attività di ricerca dall’esterno.

Infine la delegazione della Valles Oriental ha presentato la realtà di questa regione di circa 360.000 abitanti, che si sviluppa attorno alla municipalità di Barcellona. Caratterizzata dalla presenza di molte piccole e medie imprese attive soprattutto nei settori del legno, industria chimica, industria della motocicletta, materie plastiche e servizi, essa presenta opportunità e problemi per molti versi analoghi al Trentino, soprattutto per quanto riguarda le infrastrutture e la necessità di conciliare le esigenze dell’ambiente con quelle dello sviluppo dei commerci e dei traffici. La visita si concluderà domenica 10 novembre. (Inform)


Vai a: