* INFORM *

INFORM - N. 197 - 17 ottobre 2002

Quarant’anni di cultura italiana a Stoccarda: la Sicilia e Leonardo nel Baden-Württemberg

L’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda festeggia i 40 anni di attività

STOCCARDA - Per gli Italiani che desiderano riscoprire la cultura del loro Paese e per tutti coloro che amano l'Italia, l’Istituto di Cultura di Stoccarda propone per i mesi da settembre a dicembre 2002 un programma ricco, vario ed interessante.

Numerose le opzioni per le serate "culturali italiane", in grado di soddisfare tanto le esigenze degli amanti dell’arte, quanto quelle di cinefili, appassionati di teatro ed intenditori di musica. Questo quadrimestre, in particolare, l'offerta sarà particolarmente ricca in quanto l’Istituto, fondato nel 1962, festeggia i quarant’anni di attività finalizzata alla diffusione della cultura italiana nella regione del Baden-Württemberg. Quattro cicli con temi differenti si susseguiranno, spaziando dal campo cinematografico a quello letterario, passando per il teatro, la lingua e la musica.

Le manifestazioni hanno preso il via il 19 settembre con una mostra del fotografo Tino Petrelli, che con il suo obiettivo ha immortalato trent'anni di vita italiana a partire dal secondo dopoguerra. Settembre ha visto ancora l'inaugurazione di un'altra esposizione di notevole successo presso i locali della Dresdner Bank, dove gli artisti Lino Minneci e Livio Ceschin hanno fatto conoscere a un pubblico numeroso ed interessato le loro sculture in ferro e le loro incisioni.

Gli eventi sono proseguiti, il 3 ottobre presso il Kino Lupe, con l’inaugurazione del filmfestival "Cinema! Italia!" dedicato alle ultime produzioni cinematografiche provenienti dalla Penisola. Le associazioni "Made in Italy" e "Zeise Kinos" di Amburgo hanno selezionato pellicole di vario genere, in modo da offrire al pubblico di Stoccarda un’immagine a tutto tondo dell'attuale mondo in celluloide italiano. Sono stati ospiti di questo "Festival durch Deutschland" giunto ormai alla quinta edizione: il critico Piero Spila ed il regista Emidio Greco.

Per gli amanti della Sicilia, terra ricca di tradizioni, cultura e ricette dai sapori particolari, il 10 ottobre è stato inaugurato il ciclo "Kennst du wirklich das Land, wo die Zitronen Blühen? Sizilien in Baden-Württemberg!" Rappresentazioni teatrali delle opere di Pirandello, fotografie, immagini della città di Catania, concerti si susseguiranno nel corso dei 15 "giorni siciliani". E poi, ancora cinema, una conferenza dell'ex sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e, per gli amanti dei tesori archeologici della Sicilia, un viaggio tra natura, arte e storia guidati dal Professor Giuseppe Voza. Dall'archeologia all'arte contemporanea, grazie all'intervento di sei giovani espositori siciliani che nelle loro opere esprimono il contrasto tra il desiderio di evadere dai confini della Sicilia e l'inesorabilità dello spazio aperto.

Novembre vedrà invece la presentazione al pubblico di una mostra dedicata a uno dei maggiori geni europei, del quale ricorre quest'anno il 550° anniversario della nascita: Leonardo da Vinci. L'IIC, insieme al Landesmuseum di Stoccarda, offrirà al proprio pubblico mostre sulle invenzioni del famoso padre della Gioconda, oltre ad un particolarissimo concerto dell'Ensemble Adelchis, eseguito con gli strumenti musicali dell'epoca. Culmine dei festeggiamenti sarà la presentazione della "Lyra da Brazzo", ricostruita seguendo i disegni di Leonardo e per la prima volta esposta fuori dall'Italia. Ancora in tema musicale, un evento estremamente significativo nell'ambito dei festeggiamenti dei quarant'anni dell'Istituto di Cultura, vedrà come protagonista - il 29 novembre - Niccolò Jommelli. Vissuto per sedici anni alla corte del Baden-Württembreg, il musicista napoletano del 1700, costituisce un esempio di come la cultura tedesca sia sempre stata legata a quella italiana grazie all'opera e ai soggiorni di artisti del Belpaese. L'esecuzione delle opere di Jommelli sarà affidata alla prestigiosa orchestra del Teatro Stabile "Giuseppe Verdi" di Salerno.

Italia, però, non è solo arte: come dimostra il successo riscosso dai corsi di lingua italiana organizzati dall'Istituto, in collaborazione con l'associazione "Verein Freunde des Italienischen Kulturinstituts e.V.", la conoscenza della lingua assume un ruolo predominante nell'approccio a qualsiasi cultura. Ecco allora, dal 14 al 18 ottobre, la seconda Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, evento patrocinato dal Presidente della Repubblica Italiana che, avvalendosi della partecipazione di numerosi ospiti illustri provenienti dal mondo dell'italianistica, svilupperà il tema "L'italiano fuori d'Italia".

L'evento seguirà un itinerario attraverso i maggiori Atenei del Baden-Württemberg, partendo da Stoccarda per arrivare a Heidelberg, passando per Tübingen e Mannheim.

Ulteriori manifestazioni dell'Istituto di Cultura, altrettanto interessanti e variegate, faranno da sfondo ai quattro maggiori cicli sopra esposti. (Marina Baruzzo, de.it.press/Inform)


Vai a: