* INFORM *

INFORM - N. 196 - 16 ottobre 2002

Visita di due giorni a Chicago del Ministro per l'Ambiente Altero Matteoli

CHICAGO - Proveniente da Roma e diretto a Washington, il Ministro per l'Ambiente e la tutela del territorio, on. Altero Matteoli, ha effettuato una visita di due giorni a Chicago. La visita ha avuto un duplice obiettivo: stabilire un contatto con la grande comunità di origine italiana del Midwest americano e conoscere da vicino un aspetto particolare della ricerca italiana negli Stati Uniti, quella dei fisici italiani impegnati nella fisica delle alte energie. Dopo aver salutato gli oltre trenta ricercatori italiani presenti a vario titolo al Fermilab, il Ministro si è incontrato col direttore del programma italiano prof. Giorgio Bellettini e il direttore del progetto SVT (Silicon Vertex Tracker) prof. Luciano Ristori, dell’Istituto nazionale di fisica nucleare.

L'incontro Di Matteoli con la comunità ha avuto come momento centrale la parata del Columbus Day, che ha preso l'avvio come ogni anno sul tratto più suggestivo del Lungolago Michigan. In prima fila, il ministro italiano ha sfilato a fianco del sindaco di Chicago, Richard J. Daley. Nel corso dei tanti scambi di saluti con varie decine di connazionali e oriundi italiani Matteoli ha potuto accertarsi del profondo legame che intercorre tra questi e l'Italia.

Da questi incontri egli ha potuto inoltre rilevare la sentita l'esigenza di una maggiore e più articolata presenza della lingua e cultura italiana nelle scuole di vario ordine e grado frequentate dai discendenti degli italiani emigrati. Dopo aver appreso che sono oltre 3.500 gli allievi dei corsi di italiano in 16 scuole della terza metropoli americana il Ministro Matteoli ha condiviso la proposta avanzata dal Console generale Enrico Granara, mirante ad istituire una scuola bilingue italiano-inglese a Chicago.

Un incontro al Mazzini-Verdi Club di Chicago ha concluso la visita del ministro italiano. A fare gli onori di casa è stata l'Associazione dei Lucchesi nel Mondo. (Inform)


Vai a: