* INFORM *

INFORM - N. 191 - 10 ottobre 2002

Seconda Settimana della Lingua Italiana nel Mondo. Le iniziative e le proposte dell'Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia

MARSIGLIA - l'Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia presenta un ricco e variegato calendario, caratterizzato da spettacoli multimediali, convegni, tavole rotonde e letture in pubblico, in occasione della seconda Settimana della Lingua Italiana nel Mondo - iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri e dall'Accademia della Crusca con il patrocinio del Presidente della Repubblica - che viene organizzata dal 14 al 19 ottobre dagli 88 Istituti Italiani di Cultura operanti nel mondo e dai Dipartimenti di Italiano presso le Università straniere -. Il programma dell’Istituto di Marsiglia parte il 14 ottobre con la messa in scena, nella sala Amerigo Vespucci, dello spettacolo "Briciole". Una rappresentazione - realizzata dalla Fondazione AIDA e finanziata dall'Unione Europea nell'ambito del programma "Culture 2000"- che porrà all'attenzione dei giovani e degli insegnanti sui rischi connessi all'anoressia e alla bulimia. La sera del medesimo giorno verrà presentata, presso la Friche de la Belle de Mai, la creazione multimediale: Cosmologie" Tentative de taxinomie rythmo-dramatique". Una particolare esperienza recitativa, messa in scena da Roberto Paci Dalò, che cercherà d'unire la parola alla realtà.

Per la giornata del 15 verranno invece organizzate due interessanti tavole rotonde. Il primo dibattito, intitolato "L'Italiano nel sangue", verrà moderato dal professore Claudio Milanesi dell'Università d'Aix en Provence e sarà caratterizzato dalla fattiva presenza di scrittori italiani ed oriundi. Interverranno infatti all'incontro gli autori Gilles Ascaride, Philippe Carrèse, Jean Paul Delfino, Gilles Del Pappas, Bruno Leydet, Aimé Mucci e Serge Scotto. Durante la tavola rotonda gli scrittori presenteranno i loro ultimi lavori e discuteranno sulla reale presenza dell'italianità nei loro opere letterarie. Il secondo appuntamento sarà invece intitolato "L'italiano nei suoni". Nel corso della manifestazione - che martedì 22 ottobre verrà riproposta al pubblico nelle sale della biblioteca Saint André, 6, Bd Jean Salducci (13006 Marseille) - il direttore artistico della compagnia "Giardini Pensili" Roberto Paci Dalò presenterà il progetto RIMI. Un tentativo, nato dalla creatività dello scrittore Gabriele Frasca, di creare, attraverso testi e suoni, un'autentica "letteratura d'ascolto".

Mercoledì 16 ottobre sarà invece la volta dei lettori dell'Università d'Aix en Provence Gabriella De Angelis e Luigi Salsi che, presso la Sala Amerigo Vespucci, intratterranno il pubblico sul tema " L'Italiano perché", un momento di approfondimento sulle ragioni e sulle nuove prospettive che fanno dell'italiano una lingua vivente. A seguire vi sarà poi la proiezione del documentario di 90 minuti "L'italiano filmato". Un progetto di Marcello Avallone, realizzato da Rai International, che prende in esame, attraverso la scelta di vari momenti filmati, l'evoluzione del linguaggio italiano dal primo cinema sonoro fino ai giorni nostri.

Nelle giornate seguenti, giovedì 17 e venerdì 18 ottobre, salirà sul palco della Salle Vespucci il giovane narratore Simone Maretti che, per un pubblico formato esclusivamente da studenti, leggerà ed interpreterà pagine scelte tratte dal "Barone rampante" e "Fiabe italiane" di Italo Calvino; da "Il Fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello; da "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni; da "La boutique del Mistero" di Dino Buzzati e dal "Pinocchio" di Collodi. Lo stesso Maretti inoltre presenterà, sabato 19 ottobre, i suoi "Racconti" presso la biblioteca Saint André. Infine, nelle giornate di sabato e domenica, l'Istituto di Marsiglia e l'Associazione "Amici dell'Istituto Italiano di Cultura" presenteranno, nella Hall 7 du Parc Chanot, una dettagliata lettura del "Il Barone rampante" di Italo Calvino. In occasione della manifestazione, che avrà come narratore il già citato Simone Maretti, saranno poste in esposizione le proposte editoriali italiane della libreria "Leggere Per". (Lorenzo Zita-Inform)


Vai a: