* INFORM *

INFORM - N. 185 - 2 otttobre 2002

Ciampi ad Avellino: "Inaccettabile la disoccupazione al Sud. L’equilibrio dei conti pubblici un bene fondamentale per tutti"

AVELLINO - Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in visita alla città di Avellino, ha rilevato che "l'equilibrio dei conti pubblici nazionali e la credibilità e il prestigio del Paese sono un bene fondamentale per tutti: si possono trarre almeno due conclusioni. La prima è che le politiche di agevolazioni alle attività produttive, quando sono ben indirizzate, riescono a produrre gli effetti positivi auspicati. Quindi questa impostazione non deve essere abbandonata. La seconda è che si debbono migliorare le condizioni locali, le potenzialità per mettere a frutto le risorse esistenti e per attirarne di nuove. E non dimentichiamo che l'incontro, ossia la combinazione fra condizioni ambientali e risorse, richiede, per essere fecondo, la ‘scintilla’ dell'iniziativa, dell'imprenditorialità"

"E' utile ed è giusto - ha continuato Ciampi - che si creino, in ambito nazionale o europeo, agevolazioni miranti a stimolare nuovi investimenti, a creare nuovi posti di lavoro. La convergenza verso l'alto dei livelli di sviluppo delle diverse regioni fu fin dall'inizio uno degli obiettivi dichiarati e dei principi ispiratori fondamentali del processo di unificazione europea. Lo è, lo deve essere a maggior ragione, della politica di uno stato ben governato. Il tasso di disoccupazione - ha aggiunto il Capo dello Stato - giovanile rimane, al Sud, a un livello inaccettabilmente alto: secondo le statistiche, superiore al 42 per cento, contro il 9,3 del Nord e il 15 del Centro. Confrontando questi dati con quelli di un anno fa, si deve bensì rilevare che è proprio nel Mezzogiorno che si è verificato, anche in valori assoluti, l'incremento maggiore dell'occupazione, e la riduzione maggiore della disoccupazione. Ma lo scarto fra il Nord e il Centro, da una parte, e il Sud dall'altra, rimane inaccettabile. Ridurlo ulteriormente è una priorità nazionale, sociale, economica, politica".

Il Presidente Ciampi ha poi voluto ribadire che lo sviluppo del Sud rimane un punto cardine. "Per mantenere ed anzi intensificare il processo di crescita in atto nel Mezzogiorno si debbono realizzare alcune indispensabili precondizioni: il completamento delle riforme strutturali che investono le autorità locali a tutti i livelli, mirando a un miglior funzionamento di Comuni, Province e Regioni; l'istituzione, e la diffusione su tutto il territorio, degli ‘sportelli unici per le imprese’, che rimangono un obiettivo strategico della Pubblica Amministrazione; la realizzazione di rapporti di collaborazione, o come qui è stato detto di "concertazione istituzionale" fra questi vari livelli di governo locale, e tra le autorità locali, l'imprenditoria, i sindacati, la scuola e l'università, le organizzazioni del volontariato; l'accelerazione delle procedure di accesso ai fondi comunitari per acquisire i finanziamenti a valere sull'Agenda 2000-2006; è imperdonabile non usufruire interamente dei cospicui stanziamenti dell'Unione Europea; il potenziamento della formazione, in tutti i campi dell'attività di lavoro; il miglioramento del quadro sociale, mirando a sconfiggere quel male oscuro, capace di frenare e perfino rendere impossibile qualsiasi avanzamento civile ed economico, che è la criminalità organizzata". (Inform)


Vai a: