* INFORM *

INFORM - N. 183 - 30 settembre 2002

Commissione Continentale del CGIE per l’America Latina

(Buenos Aires, 23-25 settembre 2002)

DOCUMENTAZIONE

Il messaggio di saluto del Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri ad interim Silvio Berlusconi

"La situazione in Argentina e nel resto dell’America Latina rimane al centro dell’attenzione del Governo italiano"

Affido all’Ambasciatore d’Italia il mio saluto rivolto in occasione della riunione della Commissione Continentale per l’America Latina del Consiglio Generale degli italiani all’Estero.
I punti all’ordine del giorno del vostro dibattito sono di grande rilievo politico: dalle questioni previdenziali alla valorizzazione della stampa e dell’informazione di ritorno, dallo stato della rete consolare alla crisi che ha coinvolto l’Argentina e che fa sentire le sue conseguenze anche sugli altri Paedi dell’America Latina.
L’Ambasciatore Nigido mi riferirà sugli esiti dell’incontro e sulle proposte che emergeranno ai fini di un più efficace e mirato intervento a favore dei connazionali residenti nel continente.
Ribadisco l’impegno del Paese e del Governo nei confronti Vostri, dell’America Latina ed in particolare dell’Argentina e dell’Uruguay, impegno che ha le sue origini nella specialità che ha sempre caratterizzato i rapporti fra Roma e le capitali sudamericane, proprio grazie alla presenza di cospicue comunità italiane.
L’Italia si è mossa tempestivamente, a livello bilaterale, europeo e multilaterale, per sostenere l’Argentina, aiutandola ad affrontare la gravissima crisi di cui è rimasta vittima. Abbiamo innanzi tutto deciso la riapertura della concessione dei crediti di aiuto, il primo e tuttora l’unico aiuto concreto concesso all’Argentina dallo scoppio della crisi. A suo tempo è stato anche istituito presso il Ministero delle Attività Produttive un tavolo per l’assistenza alle nostre imprese affiancato, a Buenos Aires, da un centro di monitoraggio sulla situazione economica generale e sulle esigenze degli imprenditori.
Il Ministero degli Affari Esteri, in collaborazione e con l’attivo sostegno del Ministro per gli Italiani nel Mondo, ha deciso un rafforzamento degli organici della rete diplomatico-consolare nel Paese, per accelerare tempi e modi di aiuto ai connazionali in difficoltà, con particolare riguardo alle pratiche di cittadinanza, al fine di consentire lo smaltimento degli arretrati.
Al tempo stesso, è stato stanziato un aumento di 6.5 milioni di euro per l’assistenza diretta a favore dei connazionali indigenti, portando complessivamente la quota per l’intera rete consolare a 13 milioni di euro. Dei 10 milioni destinati all’America Latina, 7 sono riservati all’Argentina. La situazione in Argentina e nel resto dell’America Latina rimane al centro dell’attenzione del Governo italiano.
Desidero concludere ricordando una volta di più la figura e l’opera di Antonio Macrì, Vice Presidente del CGIE per l’America Latina, il cui impegno a favore dei connazionali è per noi di esempio e di sprone. Auguro a tutti voi un proficuo lavoro. (Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro degli affari Esteri a.i.)
Inform

Vai a: