* INFORM *

INFORM - N. 176 - 21 settembre 2002

Cooperazione italiana e sviluppo umano: inaugurati cinque progetti a Gafsa in Tunisia

TUNISI - Un’importante giornata all’insegna della cooperazione italiana a Gafsa nel sud della Tunisia. Si sono infatti inaugurati ben 5 dei 13 progetti previsti dal Programma di Sviluppo Umano a livello Locale (PDHL Tunisia), finanziato dalla Cooperazione italiana attraverso un fondo destinato all’UNDP (Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) e realizzato dall’UNOPS (Ufficio delle Nazioni Unite per i Servizi d’Appoggio ai Progetti) in partenariato con il Fondo di Solidarietà Nazionale 26 26 e il Governatorato di Gafsa.

La cerimonia si è svolta alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Tunisia, del Governatore di Gafsa, e del Coordinatore Residente delle Nazioni Unite in Tunisia, e di 22 rappresentanti dei Comitati italiani di cooperazione "decentrata". Sono state inaugurate le seguenti iniziative:

  1. Un caseificio denominato "Oasis" con una capacità produttiva giornaliera di 600 kg di formaggio, realizzata in collaborazione con il Comitato "Lazio/Fiumicino", la cooperativa di servizi agricoli " Ere Nouvelle " e il CRDA di Gafsa, impiegherà 12 persone. I beneficiari diretti e indiretti sono circa 250 persone. L’investimento é stato di $ 630.000
  2. Una fabbrica per la produzione di imballaggi riciclati e per il confezionamento di erbe aromatiche, realizzata in collaborazione con il Comitato "Lazio/Fiumicino", l’UTMIM, Aguila e la Direzione Regionale degli Affari Sociali. La produzione prevista di erbe aromatiche, che sarà certificata EcoCert F32600, è di: 500 Kg di verbena, 20 Kg di menta, 30 Kg di basilico, 500 Kg di rosmarino, tra i 500 e i 2000 kg d’aglio, tra i 2000 e i 4000 kg di cipolla.
  3. Ogni giorno possono essere utilizzati fino a 30 kg di carta riciclata.

    L’impresa è gestita da un’impresa sociale CAPSA (Cartonnage & Arômes Pépinière Sociale Aguila) che costituisce la prima esperienza di cooperativa sociale in Tunisia. Dei 20 membri di cui é formata, 12 dei quali sono giovani portatori di handicap psicofisico. Il costo globale del progetto é di US $ 100.000 circa

  4. un laboratorio multimediale per l’apprendimento delle lingue dotato di 10 posti più insegnante, è stato realizzato in cooperazione con il Comitato di Reggio Calabria, l’ISET e la Camera di Commercio. I corsi di formazione sono stati concepiti sia per studenti che per imprenditori. Il laboratorio sarà messo a disposizione del progetto di inserimento professionale della Regione Lombardia per la formazione di 75 operai di Gafsa. Il costo complessivo del progetto è stato di US $ 43.000 circa
  5. un laboratorio veterinario realizzato in cooperazione con il Comitato di Palermo e il CRDA (Arrondissement de la Production Animale). Di esso beneficeranno 21 persone tra veterinari e tecnici e indirettamente 8.500 allevatori di ovini, caprini, bovini, equini e i Governatorati limitrofi. Il costo globale ammonta a US $ 47.000
  6. la consegna, nel quadro di un protocollo di gemellaggio tra la città di Gafsa e quella di Napoli, d 6 autobus urbani offerti dal Comune di Napoli nel corso di una visita ufficiale del Sindaco di Gafsa al fine di migliorare il trasporto degli studenti. Il protocollo d’accordo, firmato tra le Municipalità di Gafsa e di Napoli e l’Agenzia Napoletana per la Mobilità, prevede l’assistenza tecnica e la formazione nel campo dei trasporti pubblici.

Questo programma di cooperazione allo sviluppo intende promuovere la gestione decentrata e partecipata dello sviluppo locale e costituisce la prima esperienza di questo genere nel bacino del Mediterraneo. I suoi obiettivi sono stati fissati sulla base degli impegni presi a seguito del Summit di Copenaghen sullo sviluppo umani del 1995 : l’appoggio alla decentralizzazione, programmazione locale e partecipazione comunitaria, lo sviluppo economico locale, la durabilità dei servizi locali e la prevenzione dall’esclusione sociale. (Inform)


Vai a: