* INFORM *

INFORM - N. 175 - 19 settembre 2002

Al Presidente del Senato prof. Marcello Pera la Presidenza onoraria dell'Associazione Lucchesi nel Mondo

LUCCA - Erano più di quattrocento i lucchesi residenti all'estero che sabato 14 settembre si sono ritrovati per la consueta Festa di Santa Croce, iniziativa con la quale si concludono le diverse manifestazioni organizzate dall'Associazione Lucchesi nel Mondo durante il settembre. Provenivano dagli Stati Uniti, dal Canada, dall'Australia, dalle molte Associazioni europee ed anche dal Sud America.

Quest'anno avevano un motivo in più per stare assieme e festeggiare: infatti durante la serata il Presidente dell'ALM Valerio Cecchetti ha conferito ufficialmente al Presidente del Senato prof. Marcello Pera, lucchese, la Presidenza onoraria dell'associazione.

L'Associazione Lucchesi nel Mondo si è sempre adoperata fin dalla sua fondazione per mantenere uno stretto collegamento tra le nostre comunità all'estero e la città di Lucca e le sue istituzioni. Per questo, le massime autorità lucchesi sono state tra i soci fondatori e membri di diritto del Consiglio direttivo dell'Associazione.

Tenendo presente ciò, allorquando il Presidente Pera è stato chiamato a ricoprire la seconda carica dello Stato, è stato ritenuto naturale interpellarlo per avere la sua disponibilità, in quanto rappresentante istituzionale, ad assumere la Presidenza onoraria della Lucchesi nel Mondo.

Dopo la sua positiva risposta, nella seduta del 27 marzo 2002, l'assemblea ordinaria dei soci gli ha conferito la Presidenza onoraria.

Alla presenza del Sindaco di Lucca, dott. Pietro Fazzi, del Presidente della Provincia Andrea Tagliasacchi, del Prefetto Carnimeo e del questore e di numerose autorità, fra cui il Presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Aldo Chelini, il dott. Cecchetti ha ricordato le caratteristiche proprie dell'emigrazione lucchese ed ha dato il suo benvenuto al Presidente Pera, il quale, prendendo la parola, ha ricordato il suo stretto legame con il mondo dell'emigrazione, essendo anche lui parte di una famiglia di emigranti sparsa tra la California e l'Australia, ed avendo quindi visto da vicino che cosa significò lo sradicamento dalla terra natia e quanto fu prezioso, negli anni difficili della nostra storia, l'aiuto anche economico dei familiari residenti all'estero. (Inform)


Vai a: