* INFORM *

INFORM - N. 175 - 19 settembre 2002

A Villa Lagarina il via alla Festa provinciale dell'Emigrazione

E’ dedicata al 50° anniversario dell’emigrazione trentina in Cile

TRENTO - Una mostra sull'emigrazione trentina in Cile e un concerto del Gruppo country Yellow Kapras: si aprirà così, venerdì 20 sera, all'insegna del ricordo e della musica, la Festa provinciale dell'Emigrazione. Quest'anno, lo scenario del grande e ormai tradizionale ritrovo sarà Villa Lagarina. E saranno, come sempre, tre giorni di forte impatto emotivo - in particolare per i tanti emigrati che saranno presenti e per i loro familiari - e di grande stimolo alla riflessione e al dibattito.

Gli "ingredienti" della Festa dell'emigrazione sono dunque questi, semplici ed efficaci: il ricordo e la nostalgia, con l'omaggio a quanti hanno dato vita nei decenni a questa grande "epopea", lasciando il Trentino per rifarsi una nuova vita nei cinque continenti; ma anche una grande festa, con musiche, intrattenimenti, spettacoli; e infine, un'occasione di discussione e di elaborazione di future strategie di azione. Rimane un fatto, ad esempio, che ogni Festa dell'Emigrazione costituisca un punto fermo importante anche per eventuali integrazioni o correzioni alle politiche provinciali per l'emigrazione.

La Festa di quest'anno è dedicata al 50° anniversario dell'emigrazione trentina in Cile. Dal momento che quella esperienza di emigrazione si è realizzata negli anni 1952-53, le celebrazioni hanno avuto una prima parte lo scorso anno in Cile, con la presenza di autorità ; trentine, compreso l'arcivescovo d Trento, e del coro della S.O.S.A.T. La seconda parte, dunque, quest'anno nel contesto della Festa provinciale dell'emigrazione.

Si prevede la presenza dell'Ambasciatore cileno in Italia, del Console generale del Cile in Milano e di una delegazione di emigrati trentini in Cile, che sarà ospite della Provincia. La delegazione comprenderà i quattro presidenti dei Circoli trentini in Cile, i presidenti delle Scuole italiane di La Serena e di Copiapò, tredici emigrati mai ritornati in Trentino dopo l'emigrazione e quattordici giovani di origine trentina scelti per merito scolastico e che per la prima volta avranno l'occasione di conoscere la terra d'origine.

Parteciperanno alla Festa anche un rappresentante del Presidente del Paraguay, una delegazione di discendenti di emigrati trentini in Messico ed una di emigrati in Svizzera. Com'è ovvio, vi parteciperanno molti ex emigrati, riuniti in diverse associazioni; soprattutto si prevede la massiccia presenza della numerosa comunità italo-cilena in Trentino.

I tre giorni di festa e di incontri vivranno, in particolare, tre momenti di grande significato e intensità.

Sabato pomeriggio alle 17 con l'inaugurazione a Pedersano di un monumento all'emigrante, simbolico omaggio di tutta la comunità trentina ai nostri conterranei ora residenti all'estero, alle loro fatiche e sofferenze, al loro grande contributo per costruire il Trentino di oggi. A seguire, sempre sabato, alle 18, si svolgerà la Tavola Rotonda alle scuole medie di Villa Lagarina su "L'emigrazione trentina in Cile, esperienze dei protagonisti e prospettive". Un momento, questo, che fornirà un prezioso contributo alla riflessione e al quale prenderanno parte, oltre all'assessore provinciale all' Emigrazione Sergio Muraro, anche l'Ambasciatore cileno in Italia e il Console generale del Cile a Milano.

Domenica 22, dopo la Messa delle 10, è previsto un corteo che, dalla Chiesa parrocchiale di Villa Lagarina, si recherà al Centro sportivo, con la Banda musicale "Felice Fontana" di Pomarolo. E qui, alle 11.30, vi saranno i saluti ufficiali delle autorità provinciali.

Nel frattempo prosegue a Trento la Conferenza dei Consultori all'estero (Inform)


Vai a: