* INFORM *

INFORM - N. 173 - 17 settembre 2002

Immigrazione in Veneto - Zanon: "in funzione il numero telefonico per informazioni sulle procedure di regolarizzazione"

PADOVA - Il progetto informativo della Giunta regionale del Veneto - Assessorato alla Sicurezza e ai flussi migratori - per mettere a conoscenza i cittadini, i datori di lavoro, gli operatori e i cittadini stranieri delle procedure corrette da seguire per applicare la Legge Bossi-Fini sull'immigrazione è stato presentato il 16 settembre a Padova, presso la sede della Provincia, dall'assessore regionale Raffaele Zanon. "Il progetto - ha spiegato - ha l'obiettivo di "fluidificare" l'applicazione della legge Bossi-Fini, di rendere più semplici i percorsi di regolarizzazione e di emersione del lavoro irregolare sia per i datori di lavoro che per gli immigrati".

L'iniziativa prevede innanzi tutto l'attivazione di un numero utile telefonico, 199-189-000, con gestione del traffico su tre linee, con basso costo a carico dell'utente (11,88 centesimi di Euro, il costo della telefonata senza altri oneri aggiuntivi), con messa a disposizione di tre operatori, opportunamente formati e che conoscono il francese e l'inglese; il call center è in funzione fino al 31 dicembre prossimo, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali.

Inoltre, il progetto regionale prevede: la realizzazione di 2 mila dispencer con 150 mila pieghevoli in lingua italiana sul numero telefonico istituito dalla Regione; 150 mila volantini informativi da mettere a disposizione dei soggetti interessati (nelle lingue: italiano, inglese, francese e arabo) con informazioni sull'applicazione della nuova legge, con particolare riferimento alla regolarizzazione delle badanti e degli altri lavoratori irregolari; 2 mila locandine che pubblicizzeranno il numero telefonico; un vademecum in mille copie - da destinare agli operatori - con informazioni sulla normativa.

"Il materiale - ha fatto presente Zanon - verrà distribuito presso tutti gli uffici postali del Veneto e le province con cui sono già stati assunti gli opportuni contatti e raccordi". (Inform)


Vai a: