* INFORM *

INFORM - N. 167 - 9 settembre 2002

Premio "Italiani nel Mondo" - Incontro con l'imprenditrice Lidia Sartoris Angeli

Essenziale il contributo delle donne per il superamento della crisi argentina

ROMA - Anche nel nostro Paese non sono molte le donne che possono vantare una carriera come quella di Lidia Sartoris Angeli. Nata a Rosario in Argentina da genitori abruzzesi questa simpatica signora - che sull'Altare della Patria ha ricevuto dalle mani di Katia Ricciarelli il premio "Italiani nel Mondo" - può essere considerata un esempio per l'imprenditoria italiana all’estero. Dopo una dura gavetta nell'ambito del settore turistico questa intraprendente italiana, oltre a fondare e guidare insieme al marito l’agenzia di viaggio "Transatlantico", è stata eletta Presidente dell'Organizzazione Argentina delle Donne Imprenditrici (O.A.M.E.). Incarichi di responsabilità - dalla signora è stato fondato anche un complesso educativo biculturale per l'insegnamento della lingua italiana - che non hanno intaccato l'entusiasmo e la freschezza comunicativa dell'attiva imprenditrice di origine abruzzese.

"Stento ancora a credere - sottolinea Lidia Sartoris Angelis rispondendo con spontaneità alle domande dei giornalisti - di trovarmi qui a questa prestigiosa manifestazione. Io amo veramente l'Italia e il fatto di essere in questo posto così suggestivo per ricevere un premio così importante mi rende molto felice. Questa è una preziosa occasione di incontro tra gli italiani in Patria e quelli che vivono e lavorano all'estero anche in funzione dell'Italia. I nostri connazionali nel mondo non hanno infatti dimenticato la terra d'origine e continuano ad iscrivere i loro figli alle scuole italiane all'estero. Anch’io, che possiedo e dirigo un'agenzia di viaggio, sono tornata molte volte in Italia per conoscere quegli aspetti del mio Paese d'origine che rimangono esclusi dai consueti circuiti turistici.

"Oggi - prosegue l'imprenditrice fornendo delucidazioni sulla realtà femminile dell'Argentina - la donna argentina, che spesso ha acquisito titoli di studio universitari, ha trovato una sua collocazione nel mondo del lavoro, della scuola e della famiglia. In questo momento così delicato per l'Argentina io credo inoltre che il variegato universo femminile potrà fornire un valido contributo per il superamento della crisi. E' infatti una caratteristica prettamente femminile quella di portare avanti e di sostenere la famiglia e le attività commerciali nei momenti sociali più difficili. In questi giorni non dobbiamo dimenticare che il nostro Paese d'origine sta comunque già facendo molto per l'Argentina. I positivi effetti di questi interventi stanno cominciando a farsi sentire e io credo che l'Italia continuerà ad aiutare questo grande Paese d'accoglienza con tutte le sue forze".

"La crisi - conclude Lidia Sartoris Angeli affrontando il coinvolgimento della comunità italiana nella drammatica recessione economica dell'Argentina - incide pesantemente anche sulla comunità italiana perché i nostri connazionali fanno parte, alla stregua degli altri argentini, del mondo del lavoro. Io però credo che gli italiani abbiano la forza necessaria per superare la situazione e per riemergere. Sì certamente stiamo molto male e soffriamo gli effetti di una dura crisi economica, ma riusciremo a superarla. E questo perché l'Argentina possiede immense risorse naturali ed umane". (Lorenzo Zita-Inform)


Vai a: