* INFORM *

INFORM - N. 165 - 6 settembre 2002

Nuova spinta del Parlamento Europeo alla cittadinanza europea e Forum dei Migranti in ottobre a Bruxelles

Dichiarazione dell'on. Gianni Pittella responsabile per gli italiani all'estero dei Ds

BRUXELLES - "Approvando la relazione dell'on. Coelho sulla cittadinanza europea, il Parlamento Europeo, a larga maggioranza, ha confermato la netta adesione ad un'idea di Unione in cui siano affermati la libera circolazione delle persone e il riconoscimento della parità dei diritti a tutti i residenti legali, a prescindere dalla loro provenienza". Lo ha dichiarato l’europarlamentare Gianni Pittella, responsabile dei Ds per gli italiani all’estero.

"Il Parlamento - ha proseguito - non ignora gli ostacoli che ancora si frappongono al pieno riconoscimento di tali diritti, anzi denuncia la ritrosia al recepimento della direttiva del maggio 2001, che sancisce in particolare il diritto al soggiorno permanente dopo 4 anni di residenza.

L'assemblea invita inoltre a procedere al recepimento della Carta dei diritti fondamentali, nell'ambito dei nuovi Trattati, riconoscendo all'interno della Carta il nucleo dei diritti che forniscono efficacia al concetto di cittadinanza europea. Il voto di una larga parte del PE su questa linea, dimostra che alcuni conservatorismi ed egoismi di tipo nazionalistico possono essere sconfitti e che, se c'è l'accordo delle grandi forze popolari e democratiche europee, i rigurgiti antieuropei e le pulsioni discriminatorie verso il grande popolo dei migranti, vengono sconfitte."

Pittella ha annunciato che sui temi della cittadinanza europea la delegazione dei Ds al Parlamento Europeo promuoverà a Bruxelles per il prossimo ottobre un Forum dei migranti. (Inform)


Vai a: