* INFORM *

INFORM - N. 149 - 25 luglio 2002

Le Associazioni siciliane preoccupate per i tagli al bilancio della Regione e il mancato insediamento della Consulta regionale dell’emigrazione

PALERMO - Si sono riuniti nei giorni scorsi i rappresentanti delle associazioni regionali che si occupano di Siciliani all’estero, per fare una verifica sulle esigenze più immediate. I convenuti, dopo ampia discussione- è detto in un comunicato congiunto di Usef, Sicilia Mondo, Aitef e Siracusani nel Mondo -, si sono trovati d’accordo nell’esprimere preoccupazione per diverse situazioni tra cui: i tagli notevoli apportati al bilancio di previsione della Regione, che riducono la possibilità di intervento sia in Sicilia che all’estero; il protrarsi del ritardo nella convocazione ed insediamento della Consulta regionale, impossibilita ad eleggere gli organismi di direzione, cosa questa, che priva i Siciliani all’estero del proprio organo di autogoverno; la mancata programmazione di attività come il turismo sociale, le attività culturali all’estero, i convegni eccetera; il mancato intervento in Argentina, dove non solo si aggrava la situazione interna, ma a causa delle molte fonti di contatto non coordinate, si crea confusione e si accendono pericolose illusioni che alla fine potrebbero produrre un pericoloso sconforto nella nostra comunità già duramente provata.

Questi ed altri gli argomenti trattati nella riunione, che si è tenuta a Palermo nella sede dell’Usef.

Le associazioni partecipanti hanno concordato di sottoporre il comunicato anche all’Assessore regionale all’Emigrazione, esortando lo stesso a dare corso a quanto necessario, perché i problemi evidenziati trovino positiva soluzione. (Inform)


Vai a: