* INFORM *

INFORM - N. 148 - 24 luglio 2002

Comites Grecia: italiani all'estero e anagrafe consolare

ATENE - Pittella ha ragione se l'anagrafe consolare non viene sistematicamente controllata, come si suol dire, in tempo reale vedi Inform n. 147, "Sui seggi vacanti alla Camera dichiarazione di Gianni Pittella", ndr). Dopo un anno di Governo Berlusconi, e nonostante la buona volontà del Ministro Tremaglia, ancora la vecchia mentalità burocratica ministeriale italiana e di partito stenta a morire.

Non solo i rappresentanti degli italiani all'estero eletti in Parlamento non rappresenterebbero la realtà demografica degli aventi diritto, ma le minoranze italiane residenti in paesi come i Balcani, Medio Oriente ecc. che non hanno la possibilità di eleggere un proprio candidato si troveranno completamente escluse e non rappresentate in Parlamento.

Oltre le assunzioni di personale ad hoc sia in Italia che all'estero per la sistemazione di questa benedetta anagrafe bisogna anche dotare le nostre rappresentanze consolari di nuovi mezzi tecnologici che a quanto sembra allo stato attuale invece sono abbastanza obsoleti. (Angelo Saracini segretario Comites Grecia/direttore "Identità")

Inform


Vai a: