* INFORM *

INFORM - N. 142 - 17 luglio 2002

Accordo di cooperazione economica fra Regione Veneto e Voivodato di Lublino (Polonia)

VENEZIA - Un importante accordo di cooperazione tra la Regione Veneto, la Provincia di Vicenza, il Voivodato e la municipalità di Lublino, la locale università e le associazioni degli Artigiani di Vicenza e Lublino è stato firmato nella città polacca dall'Assessore regionale alle politiche per la piccola e media impresa Marino Finozzi. Si tratta di un'azione concreta che anticipa l’ingresso della Polonia nell’Unione Europea. La cooperazione avviata è finanziata dall’Unione e prevede una serie di collaborazioni attive tra l’Associazione degli Artigiani di Vicenza, promotrice di questa iniziativa, e le Istituzioni venete, con la Provincia di Vicenza e la Regione a fare da garanti.

Dobbiamo dare alle nostre imprese che vorranno operare in quest’area strategica una serie di garanzie". Già da tempo – – spiega Finozzi – – Lublino, città storica della Polonia Orientale, sede universitaria con oltre 80 mila studenti - in cui in passato insegnò anche Karol Wojtyla - e una forte base di scuole professionali tecniche, è la naturale porta di ingresso alla Bielorussia e all’Ucraina. Nella zona, dove già opera l’Api lombarda e da due anni l’Associazione degli Artigiani di Vicenza ha avviato una attiva cooperazione con la locale associazione artigianale, siamo tra i primi a proporre partnership e collaborazioni concrete perché i capitali stranieri finora sono stati prevalentemente investiti nella Polonia occidentale, più vicina ai mercati tedeschi. La grande risorsa dell'area di Lublino sta proprio nel grande potenziale tecnico-professionale di alto livello che essa può esprimere, sia nelle maestranze che nei livelli superiori: oltre l’ottanta per cento dei giovani laureati lublinensi emigra, soprattutto negli Usa e questo è un dato sul quale dovremmo riflettere". Si tratta ora - sottolinea l'assessore regionale - di porre le basi per quelle infrastrutture, materiali e non, che permettano lo sviluppo di un tessuto produttivo autentico e, non a caso, il passaggio successivo all’accordo di cooperazione sarà un programma, definito 'incubatrice', per far nascere, con le opportune protezioni, un distretto produttivo che operi in sinergia con le nostre aziende e sfrutti le opportunità offerte sia dal mercato interno polacco sia dai mercati dell'Ucraina e della Bielorussia.

Nel corso della missione, Finozzi, accompagnato dalla Presidente della Provincia di Vicenza, Manuela Dal Lago e dal Presidente dell’Assoartigiani vicentini, Giuseppe Sbalchiero, ha avuto modo di incontrare i responsabili nazionali e locali della categoria artigianale, il Presidente del Voivodinato lublinense, il sindaco di Lublino, le autorità religiose, il rettore dell’Università, l’ambasciatore italiano a Varsavia, Di Leo, i responsabili dell’Ice, esponenti dell’imprenditoria locale, del sistema creditizio. (Inform)


Vai a: