* INFORM *

INFORM - N. 136 - 9 luglio 2002

Presentata al Museo di Casa Siviero la nuova rivista edita dalla Regione Toscana. "Culturae": idee e informazioni per le politiche culturali

FIRENZE - Metti un territorio culturale straordinario da sempre e metti una politica regionale che in questi anni è cresciuta intorno ad un’idea di cultura come fondamentale diritto di cittadinanza e come occasione per valorizzare tutte le potenzialità, spesso inespresse, di una Toscana cosiddetta minore, posta al di là dei confini, ormai angusti rispetto a tanta ricchezza, dei centri ‘forti’ della tradizione. Come dare, allora, più voce e visibilità a questo intreccio tra i motivi storici e i temi più innovativi del fare politica per la cultura in Toscana? La risposta è "Culturae", una nuova rivista, realizzata interamente dal dipartimento cultura della Regione, che è stata presentata, presso il Museo di Casa Siverio, dall’assessore regionale alla cultura, Mariella Zoppi, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il direttore dell’Archivio di Stato di Firenze, Rosalia Manno Tolu, il pittore Alberto Moretti e il fotografo e scrittore Pino Bertelli.

"Ci lanciamo con entusiasmo in questa sfida – ha detto l’assessore Zoppi –; con "Culturae" vogliamo dare conto di un lavoro ricchissimo che abbiamo realizzato insieme alle Province, ai Comuni, agli istituti e alle associazioni culturali, offrendo un punto di vista unitario su politiche, interventi, progetti che hanno mirato a superare la logica delle manifestazioni effimere per acquisire una prospettiva di processo territoriale di lungo periodo. Non a caso – ha proseguito – le parole chiave di questa politica sono state e sono ‘reti’ e ‘sistemi’ e i risultati ottenuti hanno significato servizi bibliotecari disponibili per tutti, un sistema teatrale diffuso, occasioni per fare spettacolo e arte al di fuori dei soliti luoghi e aperte, soprattutto, a energie giovani".

I materiali pubblicati nel primo numero passano quindi in rassegna gli interventi per investimenti strutturali previsti per il periodo 2005-2006, che attiveranno un programma complessivo di oltre 64.500.000 euro, il 60 per cento dei quali costituiti da contributi regionali; quelli per la valorizzazione del patrimonio museale, bibliotecario e archivistico – nel 2002 potranno contare su oltre 1.936.000 euro, circa il 21 per cento in più rispetto al 2001 -; ma anche le azioni per il sistema dello spettacolo, per i progetti interculturali – da Porto Franco alla Carta di Firenze per la pace in Medio Oriente -, per la rete dell’arte contemporanea, della quale è stata presentata, nei giorni scorsi, la prima mappa regionale.

La rivista - ventiquattro pagine, in quadricromia - sarà stampata in 10mila copie e distribuita a istituzioni, associazioni, istituti, perodici specializzati. La testata recupera l’elaborazione del segno ‘AE’ realizzata dal teologo e matematico del XV-XVI secolo Luca Pacioli, " una scelta – ha sottolineato l’assessore Zoppi – che vuole testimoniare, anche graficamente, l’incontro tra grande tradizione rinascimentale e la nostra concezione della cultura come campo dinamico del sapere." "Culturae" sarà inoltre disponibile, in formato pdf, anche su Internet, all’indirizzo www.cultura.toscana.it. (af-Inform)


Vai a: