* INFORM *

INFORM - N. 125 - 25 giugno 2002

Trentini nel Mondo - Le note della canzone "Sen ritornadi a baita" hanno dato il via alla Convention ITTONA 2002

TRENTO - "Benvenuti nella terra dei vostri padri, nella terra che conserva le tracce delle vostre origini naturali e le matrici della cultura e dei valori a cui i vostri ascendenti hanno fatto riferimento nell’educarvi alla vita": con queste parole il presidente della Trentini nel mondo, Ferruccio Pisoni, ha salutato le centinaia di trentini del Nord America, riuniti a Trento per la Convention dell’ ITTONA (International Tirolean Trentini Organization of North America), vale a dire la Federazione dei Circoli trentini degli Stati Uniti e del Canada.

Il primo incontro ufficiale con i partecipanti alla Convention ITTONA si è svolto sotto il tendone innalzato in piazza Dante, che funge da quartier generale della grande manifestazione, che entrerà nel vivo domani.

Il tema del "ritorno alle radici" – che è anche lo slogan della Convention 2002 – ha fatto da filo conduttore anche dei successivi interventi di saluto, a cominciare a quello di Eugene Pellegrini, presidente ITTONA. "Lo svolgimento in Trentino della Convention rappresenta un fatto propizio, soprattutto in considerazione di quanto è accaduto nell’ultimo anno" ha affermato Pellegrini con riferimento ai fatti dell’11 settembre. Il presidente dell’ITTONA si è poi complimentato con i numerosi presenti "per la loro determinazione e coraggio nell’affrontare questo lungo viaggio di ritorno alle proprie radici" ed ha espresso la certezza che si tratterà di un’esperienza indimenticabile.

L’assessore all’emigrazione, Sergio Muraro, ha portato il saluto della Giunta provinciale ed ha ricordato il debito di riconoscenza che i trentini hanno nei confronti dei loro conterranei che in tempi difficili hanno lasciato la loro terra di origine, contribuendo poi dai nuovi paesi di accoglienza allo sviluppo del Trentino.

Un caloroso benvenuto è stato rivolto anche dal presidente della Regione, Carlo Andreotti, che ha poi inaugurato la mostre allestita nella Sala di Rappresentanza del Palazzo della Regione, intitolata "Emigrazione trentina negli Stati Uniti e nel Canada": curata dal prof. Giulio Broll e divisa in cinque sezioni, la mostra rimarrà aperta fino a domenica 30 giugno.

Accanto alla mostra sull’emigrazione, la Sala di rappresentanza ospita anche un’esposizione di artigianato artistico locale, allestita dal Consorzio artigianato artistico e di qualità del Trentino.

Un momento particolarmente emozionante l’ha offerto il Coro Paganella: un lungo applauso ha salutato l’esecuzione, in prima assoluta, della canzone "Sen ritornadi a baita", composta espressamente per la Convention di Trento, con testo di Renzo Francescotti e musica di Claudio Vadaganini, direttore del Coro Paganella. E quando poi il Coro ha intonato l’Inno al Trentino, molti l’hanno ascoltato alzandosi in piedi. (Inform)


Vai a: