* INFORM *

INFORM - N. 123 - 20 giugno 2002

ICS- Consorzio Italiano di Solidarietà e la Giornata Mondiale del Rifugiato: l'Italia delle Città dell'Asilo

ROMA - Si è celebrata in tutto il mondo la Giornata del Rifugiato. L'Assemblea delle Nazioni Unite ha scelto per tale giornata il 20 giugno, conformandosi alla tradizione di numerosi stati africani che da tempo ricordano oggi la condizione dei rifugiati. ICS-Consorzio Italiano di Solidarietà saluta con piacere le numerose iniziative che sono state promosse da associazioni ed enti locali in tutta Italia a sostegno del diritto di asilo.

Eventi di vario genere - conferenze stampa, convegni, spettacoli musicali e teatrali, mostre fotografiche, rassegne cinematografiche, incontri con rifugiati - si svolgono in questi giorni in trenta città italiane, fra le quali Bari, Bologna, Catania, Foggia, Frosinone, Genova, Lodi, Mestre, Milano, Modena, Napoli, Parma, Roma, Siracusa, Torino, Trieste, Varese, Venezia, Verona, Viterbo.

La significativa adesione alla Giornata internazionale del Rifugiato da parte di associazioni ed enti locali dimostra che il tema del diritto di asilo è una questione che riguarda e che sta a cuore alla società civile italiana, la quale vuole impegnarsi per garantire tutela a richiedenti asilo e rifugiati che arrivano in Italia per chiedere protezione e accoglienza.

ICS invita il Governo e il Parlamento italiano a emanare al più presto una legge sul diritto di asilo in conformità con la normativa internazionale di tutela dei diritti umani e le direttive europee.All'invito di ICS si uniscono gli enti locali e le associazioni che oggi e nei prossimi giorni vogliono ribadire il loro impegno nel costruire una cultura dell'accoglienza e della convivenza, dichiarandosi Città dell'Asilo.

Nell'invitare le Istituzioni a emanare una legge, si ricordano quali debbano essere i principi irrinunciabili, quali: il non trattenimento dei richiedenti asilo; la permanenza dei richiedenti asilo sul territorio italiano anche durante la fase di ricorso avverso decisioni che non riconoscono lo status di rifugiato; la certezza di principi di indipendenza, trasparenza e competenza nella individuazione dei componenti delle commissioni preposte all'esame delle istanze di asilo. (Inform)


Vai a: