* INFORM *

INFORM - N. 122 - 19 giugno 2002

Petizione popolare per la protezione e la tutela dei diritti di chi lavora

Il 25 giugno in cento piazze italiane le ACLI raccolgono le firme per la flessibilità sostenibile

ROMA - Una petizione popolare per la raccolta delle firme sulla flessibilità sostenibile, la protezione e la tutela dei diritti di chi lavora, sarà presentata dalle ACLI nel corso di una conferenza stampa che si terrà a Roma, martedì 25 giugno, alle ore 11,00 presso la sala stampa della Camera.

Il Presidente nazionale delle ACLI Luigi Bobba, insieme ad autorevoli esponenti del mondo sindacale che hanno sottoscritto il documento, illustrerà i contenuti e le finalità della petizione che, con le 100.000 firme raccolte, verrà consegnata in autunno al Presidente della Camera Pier Ferdinando Casini per l’adozione di provvedimenti di legge.

Contemporaneamente alla conferenza stampa, il 25 giugno nelle principali piazze delle 102 province italiane le ACLI raccoglieranno le firme per la petizione popolare.

L’iniziativa delle ACLI mira ad attivare strumenti nuovi ed efficaci per governare la flessibilità, perché le nuove opportunità di lavoro non siano schiacciate dai rischi di precarizzazione e di disumanizzazione della dimensione lavorativa.

La petizione dice no alla flessibilità illimitata e chiede al Parlamento provvedimenti legislativi per una flessibilità sostenibile da perseguire attraversala promozione di alcuni grandi obiettivi:


Vai a: