* INFORM *

INFORM - N. 119 - 14 giugno 2002

Infermieri e badanti: collaborazione tra Regione Veneto e San Pietroburgo

VENEZIA - Avviare una collaborazione tra Regione Veneto e San Pietroburgo per formare, nella città russa, infermieri e badanti da utilizzare in territorio veneto per l'assistenza agli anziani e ai disabili nelle strutture extraospedaliere o nelle famiglie. A questo scopo si è tenuto il 14 luglio a Palazzo Balbi, sede della Giunta veneta, un incontro tra gli Assessori regionali alle politiche sociali Antonio De Poli e ai flussi migratori Raffaele Zanon con una delegazione del Comitato di Salute Pubblica della città russa capitanato da Yory Alexeevich Petrov.

Durante il cordiale incontro, al quale erano presente anche il direttore generale dell'Ulss n.14 Silvio Zanus, i due assessori hanno spiegato agli ospiti russi che la Giunta veneta è disponibile a una collaborazione nel campo sociosanitario e socioassistenziale, in particolare sui temi della formazione professionale e della lingua, soprattutto per le figure degli infermieri e delle badanti. I due esponenti dell'amministrazione regionale hanno ricordato che le politiche regionali hanno già avviato alcune azioni pilota in questo senso - come il progetto iniziato con la Romania e coordinato dall'Ulss n.14 - e che, ora, diventano tanto più importanti anche alla luce della nuova legge sull'immigrazione Bossi-Fini. "La Regione Veneto - hanno detto ancora gli Assessori - prevederà ulteriori interventi per istituire, nei Paesi d'origine dell'immigrazione, punti di orientamento e di formazione atti a configurare operatori che rispondano alle esigenze specifiche del sistema sociosanitario del Veneto". (Inform)


Vai a: