* INFORM *

INFORM - N. 116 - 11 giugno 2002

Concerto del pianista e compositore Paolo Russo a Copenaghen

COPENAGHEN - Lunedì 10 giugno nell’auditorium del Rytmisk Musikkonservatorium si è tenuto sotto gli auspici dell'Istituto Italiano di Cultura un concerto del pianista e compositore italiano Paolo Russo, accompagnato da nomi di grande rilievo internazionale come Bo Stief e Andrea Marcelli.

Il giovane musicista pescarese, diplomato in pianoforte presso il Conservatorio D’Annunzio nel 1993, è stato ammesso, dopo severe selezioni, al Conservatorio per la Musica Ritmica, un’istituzione danese unica in Europa e famosa internazionalmente per il suo altissimo livello professionale e per aver tenuto a battesimo numerosi talenti, ormai stelle di prima grandezza nel campo del jazz.

La grande novità di questo concerto sono state le composizioni che Paolo Russo ha eseguito col bandoneon. Il bandoneon, uno strumento sviluppatosi in Germania e introdotto in Argentina alla fine del secolo XIX dai marinai tedeschi, è diventato l’ "anima" del tango e della milonga. Se la chitarra è indissolubilmente legata alla musica country, il bandoneon è l’interprete di una musica urbana, nata nei barrios di Buenos Aires, ma di antica provenienza caraibica e negra, per opera di musicisti di prevalente origine italiana. Incoraggiato da Pablo Ziegler, lo storico pianista dell’orchestra di Astor Piazzolla, il musicista pescarese ha imparato a suonare questo complicatissimo strumento diventandone un virtuoso. (Inform)


Vai a: