* INFORM *

INFORM - N. 113 - 6 giugno 2002

Diritto di asilo - Le obiezioni di Amnesty International, Consorzio Italiano di Solidarietà e Medici Senza Frontiere al testo su immigrazione e asilo approvato dalla Camera

ROMA - Amnesty International, ICS-Consorzio Italiano di Solidarietà e MSF-Medici Senza Frontiere esprimono le proprie obiezioni per il contenuto del disegno di legge su immigrazione e asilo approvato della Camera dei Deputati lunedì 3 giugno. Approvando delle disposizioni in materia di diritto di asilo che di fatto ne impediscono l’effettivo esercizio – è detto in un comunicato -, ancora una volta l’Italia ha ignorato i propri obblighi internazionali in materia e si è dimostrata incapace di garantite tutela e protezione ai rifugiati.

Amnesty International, ICS-Consorzio Italiano di Solidarietà e MSF-Medici Senza Frontiere esprimono le proprie riserve in merito alle disposizioni votate e approvate dalla Camera dei deputati, che si concentrano in particolare sui tre seguenti aspetti:

Il diritto di cercare asilo, e quindi protezione, è un diritto umano come previsto dall’articolo 14 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ed è anche riconosciuto dall'articolo 10 della Costituzione Italiana. Inoltre, l'Italia è firmataria della Convenzione di Ginevra relativa allo Status dei Rifugiati del 1951. Il diritto di asilo è una materia distinta rispetto alla migrazione economica e come tale va affrontata. Amnesty International, ICS-Consorzio Italiano di Solidarietà e Medici Senza Frontiere chiedono al Governo e al Parlamento italiani di adoperarsi senza indugio per porre urgente rimedio a queste gravi carenze, anche in fase di attuazione dell’attuale disegno di legge, e di accelerare comunque l’iter di discussione di una legge organica in materia di asilo. (Inform)


Vai a: