* INFORM *

INFORM - N. 112 - 5 giugno 2002

Il problema dei rifugiati in Australia e in Italia: un incontro a Leichhardt promosso dalla Filef e dai Missionari Scalabriniani

SYDNEY - La recente riunione della Commissione Continentale dei Paesi Anglofoni extraeuropei, che si è svolta a Sydney lo scorso mese e che aveva per tema "La Comunità italiana e i nuovi flussi migratori", ha avuto in Australia un seguito con l’iniziativa congiunta della Filef e dei Missionari Scalabriniani di convocare una riunione pubblica sul tema dei profughi nel mondo con particolare attenzione alle aree geografiche che riguardano l’Italia e l’Australia. La riunione è prevista per mercoledì 24 luglio nel Municipio di Leichhardt.

Le due organizzazioni, che sono nate proprio per tutelare ed assistere individui e famiglie che si vengono a trovare nella condizione di dover lasciare la propria terra (quasi nessuno, ormai, lo fa volontariamente), ritengono importante - in questo particolare momento - promuovere una riunione che ha lo scopo di informare e di analizzare il devastante fenomeno degli esodi forzati che, oggi più che mai, colpiscono le nazioni devastate dalle guerre, dalle dittature, dalla miseria.

La complessità del problema, con tutte le sue implicazioni morali, sociali, economiche e politiche - hanno evidenziato sia la Filef che i Missionari Scalabriniani - coinvolge tutta la collettività, spesso con reazioni emotive e con una diffusa disinformazione che impediscono la reale conoscenza delle origini del problema e la sua gestione da parte delle autorità ignorando il suo impatto nel prossimo futuro.

La riunione vuole aprire un dibattito serio e responsabile su una tragedia umana che non può essere liquidata con decisioni politiche basate in gran parte su una campagna di disinformazione pubblica. Secondo le due organizzazioni promotrici è importante partecipare, a prescindere dai personali convincimenti, perché comunque l’assise consentirà un momento importante di crescita conoscitiva della reale situazione dei rifugiati e di coloro che anelano ad un visto in Australia e in Italia in modo da consentire loro di risolvere un problema che definire vitale può sembrare addirittura un eufemismo.

Dopo un’introduzione del problema dai portavoci delle due organizzazioni è previsto un dibattito pubblico con esperti che risponderanno ai quesiti posti dal pubblico.

Alla riunione, oltre al Comune di Leichhardt, ha dato la sua adesione anche il Comites del Nuovo Galles del Sud. (Pietro Schirru*-Inform)

___________
* CGIE Australia


Vai a: