* INFORM *

INFORM - N. 105 - 28 maggio 2002

Confederazione Associazioni Abruzzesi nel Mondo

Santellocco (CGIE) illustra il progetto interculturale di fratellanza e solidarietà tra abruzzesi

L’AQUILA - La giornata di studi organizzata dalla CONFAAM (Confederazione Associazioni Abruzzesi nel Mondo) e dal Centro Internazionale di Studi celestiniani si è svolta all’Aquila, presso la Basilica di Collemaggio, il 18 maggio. Il consesso di studiosi ha incentrato i lavori su due temi, solo in apparenza distanti: la canonizzazione di Celestino V ed il recupero della fratellanza abruzzese. Brillantemente coordinati da Roberto Rusconi (Università dell’Aquila), hanno attivamente partecipato all’incontro: Andrè Vauchez (Ecole Française de Rome), Sofia Borsch Galiano (Terza Università di Roma). Peter Herde (Università di Würzburg) e Giorge Ferzoco (Università di Leicester). Il Centro Studi Celestiniani è stato rappresentato da Padre Quirino Salomone e la CONFAAM da Franco Santellocco, Antonio Razzi e Alfonso Settimi, (rispettivamente presidente, vice presidente e responsabile del Centro Studi della Confederazione) L’apporto dei presenti è stato determinante per il raggiungimento dei risultati che hanno superato le aspettative auspicate in fase di progettazione dell’incontro. La catalogazione delle conoscenze su Celestino e sulla sua canonizzazione, si è rivelata strumento basilare al fine di perseguire l’obiettivo del Centro Studi celestiniani, ossia quello di fare sempre più chiarezza, non solo sulla figura del Santo, ma anche sul patrimonio culturale abruzzese. Ed è a tale scopo che la CONFAAM ha voluto rendere partecipi un folto gruppo di giovani operatori culturali del turismo e illustri ricercatori provenienti da prestigiose Università italiane e straniere.

Nel corso della Giornata di Studi organizzata dalla CONFAAM il presidente Franco Santellocco - che è anche presidente della Commissione Formazione Impresa e Lavoro del CGIE, presidente del Comites di Algeri e segretario generale dell’AIE, Associazione Italiani all’Estero - ha illustrato concretamente il progetto interculturale di solidarietà e fratellanza tra abruzzesi, sulla base degli stessi principi che hanno animato le fraterne di Celestino. Il vice presidente Antonio Razzi ha proseguito l’illustrazione del progetto di fratellanza sottolineando la necessità di allargare a livello internazionale la conoscenza delle risorse celestiniane. A tale scopo si è fissata la data per un secondo Convegno internazionale di studi a Lucerna che si terrà il 25 ottobre prossimo.

A conclusione della giornata di studi una riunione conviviale: giovani artisti celestiniani di Sulmona hanno allietato i presenti con una interessante performance, al termine della quale l’architetto Alfonso Settimi ha anticipato i contenuti della prima edizione dell’asse culturale Sulmona-Chieti-Costa teramana. La fruizione dell’asse partirà il giorno 5 luglio prossimo da Pineto, dove sarà inaugurata la nuova sede della CONFAAM, e si concluderà, passando per Chieti e Sulmona, a S. Spirito a Maiella. Nelle tre giornate previste si alterneranno ai momenti di studio alcune importanti manifestazioni culturali ed eventi. Tra questi ultimi, si segnala come particolarmente significativo l’inizio della Perdonanza celestiniana sulla Maiella. (Inform)


Vai a: