* INFORM *

INFORM - N. 88 - 6 maggio 2002

Consiglio d'Europa - L'Italia firma il protocollo addizionale alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo che abolisce la pena di morte

ROMA - Su delega del Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri ad interim, Silvio Berlusconi, il Sottosegretario agli Affari Esteri Roberto Antonione ha firmato il 3 maggio a Vilnius - all'apertura della sessione del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa - il protocollo addizionale della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, che abolisce la pena di morte in tutte le circostanze. La firma del protocollo, alla quale hanno partecipato 36 dei 44 Paesi membri del Consiglio d'Europa, sanziona l'iniziativa avviata a Strasburgo nel 2000 nel corso della Presidenza italiana del Consiglio d'Europa per creare in Europa un'area esente dalla pena di morte.

Intervenendo nel dibattito della sessione ministeriale, dedicato principalmente alla lotta internazionale contro il terrorismo, il Sottosegretario Antonione ha ricordato che la reazione al fenomeno deve essere civile e composta, sottolineando l'esigenza che il terrorismo sia oggetto di una azione di contrasto concordata.

Alla riunione del Comitato dei Ministri ha partecipato per la prima volta la Bosnia-Erzegovina, per la cui adesione al Consiglio d'Europa il Governo italiano si è attivamente impegnato. (Inform)


Vai a: