* INFORM *

INFORM - N. 86 - 2 maggio 2002

Folena e Brutti commemorano il 25 aprile a Montreal

MONTREAL - La seconda tappa della visita alle comunità di origine italiana in Canada del senatore Massimo Brutti, dell'onorevole Pietro Folena e del prof. Norberto Lombardi, coordinatore del Forum per gli Italiani nel Mondo, si è svolta a Montreal. Nella città del Quebec, nella serata di mercoledì 24 aprile nella ampia sala della Casa d'Italia, i parlamentari italiani hanno partecipato ad un'assemblea di centinaia di persone organizzata dal Comites, nel corso della quale hanno portato il loro messaggio di saluto e collaborazione ed hanno ascoltato gli interventi e le sollecitazioni di numerosi presenti.

L'incontro è iniziato con l'introduzione del presidente del Comites, Giovanni Rapanà, con i saluti del console generale di Montreal, Gianlorenzo Cornado e della senatrice federale Ferretti Barth, che ha testimoniato in modo appassionato la sua italianità e il suo impegno per i problemi della nostra comunità. Dopo un'ampia introduzione del senatore Brutti, che ha ricordato, tra l'altro, il valore che la ricorrenza della liberazione riveste per tutti gli italiani, in qualunque luogo essi vivano, molti tra i convenuti si sono succeduti al microfono per porre domande, fare interventi, sollecitare la soluzione di problemi ancora irrisolti. Il richiamo più insistente ha riguardato il caso di RAI International, il cui segnale ancora non può essere ricevuto direttamente in Canada, e la mancanza di un volo diretto Montreal-Roma.

Non sono mancati riferimenti ai temi della cittadinanza , della situazione dell'AIRE, della pesantezza burocratica delle procedure amministrative in vigore, dello scambio di giovani, dello sviluppo dei corsi di lingua e della promozione culturale, della situazione previdenziale degli anziani. A tutti ha replicato l'onorevole Pietro Folena.

Nella mattina del 25 aprile, in via Dante, nel cuore della Piccola Italia, accompagnati dal presidente e da alcuni componenti del Comites, da un rappresentante del Consolato e da numerosi esponenti della comunità locale, hanno deposto una corona presso il monumento ai caduti di tutte le guerre e hanno ricordato il sacrificio di coloro che hanno dato la vita per la libertà dell'Italia, compresi i tanti soldati canadesi che hanno operato nel nostro paese. Hanno fatto seguito un incontro con il Comites, dedicato all'esercizio del voto per corrispondenza e alla riforma di questo istituto di rappresentanza di base, e la visita allo splendido centro polifunzionale "Leonardo da Vinci", nell'area di St. Leonard, appena ultimato con la larga partecipazione della comunità italiana. Dopo un ricevimento nell'abitazione del console generale Gianlorenzo Cornado, dove erano presenti i maggiori esponenti economici ed istituzionali della nostra comunità e il ministro Maroni, la delegazione ha fatto una lunga visita all'Ospedale Santa Cabrini, una moderna e qualificata struttura sanitaria che porta il segno visibile della cultura e dello spirito di solidarietà degli italiani. Con la direttrice Irene Giannetti e il presidente Michele Trozzo si è svolto un ampio confronto di informazioni sul servizio sanitario dei due paesi. La visita a Montreal si è conclusa in serata, presso il complesso Le Baron, con un saluto ai dirigenti del Forum del Quebec. (Inform)


Vai a: