* INFORM *

INFORM - N. 73 - 13 aprile 2002

Regione Veneto - L'Assessore Zanon a Berlino per preparare la Conferenza d’area sui Veneti in Europa che si terrà il 7-8-9 giugno. Diritti di cittadinanza nell’Europa del dopo-euro

VENEZIA - E’ in preparazione da parte della Giunta veneta la Conferenza d’Area sui Veneti in Europa. Si terrà nei prossimi 7-8 e 9 giugno a Berlino e vedrà riuniti nella capitale tedesca i rappresentanti dei milioni di emigrati veneti presenti in tutti i paesi europei dalla Germania alla Svizzera, dalla Francia al Belgio e all’Inghilterra (ma anche nei paesi di nuova e particolare emigrazione come la Romania). Il meeting veneto ed europeo sarà dedicato all’esame dei temi relativi al diritto di cittadinanza nell’Europa del dopo-euro, e ai diritti di formazione, di lavoro, della sicurezza sociale e dell’integrazione.

Per un pieno e attivo coinvolgimento nei lavori della conferenza berlinese della diplomazia italiana, ma anche del mondo imprenditoriale, commerciale e culturale al fine di presentare nel modo più organico ed esauriente possibile il "sistema veneto", l’Assessore regionale ai flussi migratori, Raffaele Zanon, si è recato a Berlino dove ha incontrato, tra gli altri, l’Ambasciatore d’Italia in Germania Silvio Fagiolo. Con l’ufficio del consigliere economico e commerciale dell’ambasciata italiana l’assessore ha incontrato anche gli esponenti delle Camere di Commercio, l’Enit e l’Ufficio ICE di Berlino. Sono stati avviati inoltre rapporti di collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura per individuare le iniziative culturali più adatte a caratterizzare la conferenza di giugno.

L’Assessore ha avuto un colloquio anche con Barbara John, responsabile stranieri del Senato della capitale tadesca con la quale si è intrattenuto sui temi comuni dell’immigrazione, particolarmente avvertiti in una metropoli come quella tedescache vede la presenza di molte e numerose comunità straniere. Alla Conferenza di giugno a Berlino saranno presenti il Ministro per gli Italiani nel mondo Mirko Tremaglia e qualificate delegazioni del commercio estero, dell’Unioncamere, della cultura e della comunicazione. (Inform)


Vai a: