* INFORM *

INFORM - N. 72 - 11 aprile 2002

A Hobart incontro tra Centrelink e Patronati

Collaborazione, soluzione ai problemi comuni, servizi per la comunità italiana in Australia

HOBART - Proficuo incontro, il 10 aprile, tra i responsabili ed operatori dei Patronati e del C.I.S. – Centrelink International Services di Hobart (Tasmania). L’ordine dei lavori ha consentito un’ampia discussione sui temi centrali alla attività dei Patronati operanti in Australia (ACLI, ENASCO, ENAS-UGL, EPASA, INAS-CISL, INCA-CGIL e ITAL-UIL) ed il Centrelink International Services, il braccio operativo internazionale dell’istituto di previdenza australiano.

L’entrata in vigore del secondo accordo di sicurezza sociale tra Italia ed Australia (legge 24 marzo 1999, n.101) con le nuove esclusioni dall’accertamento reddituale della maggiorazione sociale e degli assegni famigliari, oltre alla integrazione al trattamento minimo, richiedeva un’analisi rispetto ai passi intrapresi dal Centrelink nella fase di attuazione dell’accordo. Le nuove esclusioni sono state inserite nel sistema informatico ed è stato completato l’iter di ricalcolo (a decorrere dall’ottobre 2000) degli eventuali arretrati. Sono state ripristinate 57 pensioni di classe Widow B con il relativo versamento degli arretrati.

"I patronati hanno espresso insoddisfazione rispetto al mancato pagamento agli eredi delle spettanze a titolo di arretrati per le 14 vedove decedute nel periodo intercorso dalla firma dell’accordo, 13 settembre 1993, alla sua effettiva entrata in vigore, 1 ottobre 2000" – ha ricordato Marco Fedi, membro del Comitsato di presidenza del CGIE, presente ai lavori in rappresentanza del CO.AS.IT. che coordina il Gruppo di studio dei Patronati – "ma la normativa australiana preclude purtroppo questa possibilità".

Le Convenzioni bilaterali rimangono punto fermo delle politiche sociali australiane. Il Department of Family and Community Services, da cui dipende l’ufficio internazionale del Centrelink, ha ricordato i recenti nuovi accordi firmati con la Germania e gli Stati Uniti – entrambi in attesa di ratifica – che probabilmente entreranno in vigore il 1 ottobre 2002. In questo senso i Patronati hanno auspicato una stretta collaborazione con il Centrelink al fine di poter meglio assistere i componenti della comunità italiana che, avendo periodi di contribuzione in Germania e Stati Uniti, potranno avvalersi di queste due Convenzioni. "Analogamente – ha illustrato Marco Fedi – l’informazione dovrà essere diretta anche alle sedi di Patronato di altri Paesi e sarebbe auspicabile, in ogni caso, ampliare il raggio d’azione dei Patronati anche ad altre comunità di cittadini europei residenti in Australia, oltre a quella italiana".

Gli operatori di Patronato hanno poi preso visione del centro internazionale e delle sue strutture, a partire dall’efficiente call centre, fino ai settori di produzione che lavorano le pratiche: un centro internazionale, multilingue e multiservizio, che si prefigge di servire al meglio la comunità australiana e le Convenzioni internazionali. Il centro informazioni risponde a chiamate da tutto il mondo ed è in grado di fornire informazioni immediate ed aggiornate sulla trattazione delle pratiche.

I Patronati hanno auspicato che anche con l’INPS si possano raggiungere analoghi obiettivi di informazione. In questo senso è stato auspicato un maggiore scambio di informazioni per quanto attiene alle nuove prestazioni (bonus fiscale, rimborso aggiuntivo, maggiorazioni sociali) ed in particolare alle certificazioni relative all’art. 10 (ex-17) della Convenzione che prevede le esclusioni reddituali e che richiede, annualmente, l’invio di apposita comunicazione da parte dell’INPS.

I Patronati hanno auspicato, infine, che:

Hanno partecipato ai lavori: Marco Fedi (COASIT), Pietro Inserra e Franco Previdi (INAS-CISL), Giovanni Scomparin e Vito Giarrusso (INCA-CGIL), Cesare La Stella (EPASA), Ferdinando Capone, Antonio Marrocco e Nerea Maluta (ENASCO), Pino Musso e Pietro Schirru (ITAL-UIL), Marisa Smolka (ACLI), Maria Giacominato (ENAS-UGL), Peter Hutchinson (Department of Family and Community Services), Peter Ball, Kerry Tilyard, Monika Szigeti, Anne Law, Caroline Sund, Tina Snow, Leigh Wakefiled, Catharine Allen, Darren Flugge e Tony Capece (Centrelink International Services). (Inform)


Vai a: