* INFORM *

INFORM - N. 70 - 9 aprile 2002

Ciampi all'Accademia della Crusca: "La lingua italiana, uno straordinario strumento di cultura"

FIRENZE - Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in visita a Firenze, ha incontrato il Corpo accademico dell'Accademia della Crusca che gli ha conferito il titolo di "Accademico honoris causa" dell'Accademia della Crusca. Nel suo intervento Ciampi ha osservato che "molte delle lingue europee si sono costituite come espressioni della capitale di uno Stato, imposte talora attraverso la forza delle armi. L'italiano, invece, è la lingua di un libro, la Commedia, divenuto riferimento per i letterati di tutta Italia, dal nord al centro, al sud, alle isole. La lingua di un poeta ha unificato la gente italiana nel crogiolo di una medesima cultura, poi di una nazione. La lingua italiana è stata strumento di cultura straordinario. E' una lingua che ha la capacità di rinnovarsi per aderire alla realtà in continuo divenire e che, al tempo stesso, sa esprimere passioni, sentimenti e stati d'animo in forme immutate".

Ciampi, dopo avere ricordato l'impegno dell'Accademia della Crusca con le altre istituzioni linguistiche di tutti i Paesi dell'Unione Europea nell'elaborazione di un programma per una politica linguistica comune ha concluso sottolineando che "l'Italia ha molto da offrire. Chi ha a cuore il progresso e la pace può e deve ispirarsi ai principi del dialogo, del rispetto di chi è diverso da noi. Può e deve adoperarsi per spegnere le intolleranze e le contrapposizioni tra civiltà in nome di una solidarietà fra tutti i popoli che trova la sua ragion d'essere nobile e profonda nella comune condizione umana". (Inform)


Vai a: