* INFORM *

INFORM - N. 59 - 22 marzo 2002

Presentato a Copenaghen il volume "Opdag Pistoia" (scopri Pistoia) sotto gli auspici dell'Istituto Italiano di Cultura

COPENAGHEN - I danesi, come tutti i nordici, sono sempre stati un popolo di viaggiatori e di instancabili turisti e l’Italia, con le sue città d’arte e il suo clima temperato è sempre stata la meta preferita. Non si contano quindi i libri sulle impressioni di viaggio e le guide che scrittori e giornalisti danesi hanno pubblicato sulle città italiane. Nelle librerie danesi sono presenti a centinaia. Ma, com’è naturale, sono guide molto soggettive, non prive di inevitabili imprecisioni e sviste, che privilegiano soprattutto le città più note, da secoli ambita meta dei viaggi turistici. Da qui l’iniziativa della "Pistoia Bookshop" che ha pubblicato, in lingua danese, una bella guida sulla città di Pistoia, ad opera di Laura Selmi e del fotografo Roberto degli Innocenti, da distribuire nella librerie della Danimarca. Pistoia, che da qualche anno collabora strettamente con la cittadina danese di Næstved nel campo dell’educazione infantile dopo un proficuo scambio di visite di insegnanti, sarà quindi presente negli scaffali delle librerie danesi a fianco delle più famose "sorelle maggiori", Firenze, Siena e Pisa, privilegiate da sempre dagli scrittori di viaggio.

Con splendide foto, un’accurata e intelligente descrizione dei tesori d’arte della città e delle opere dei suoi più celebri cittadini, da Cino da Pistoia e Papa Rospigliosi fino allo scultore Marino Marini e al regista. Mauro Bolognini. Il libro, alla presenza dell’editore, degli autori e di una delegazione pistoiese composta da Paolo Bresci, dell’Agenzia per il Turismo di Pistoia e da Andrea Andreotti, della Confederazione Italiana Agricoltori, è stato presentato per iniziativa dell’ENIT sotto gli auspici dell’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen ad un folto gruppo della stampa specializzata danese nelle sale dell’ENIT.

Il dott. Alessandro Raffaelli, dell’ENIT in Danimarca, ha voluto sottolineare il coraggio di questa iniziativa piuttosto inusuale, che porterà a Pistoia quei turisti che limitavano il loro soggiorno toscano alle città più note e prestigiose. (Inform)


Vai a: