* INFORM *

INFORM - N. 56 - 19 marzo 2002

Seminario sulle attività dei Ds per gli italiani all'estero

ROMA - Domenica 17 marzo si è tenuto a Roma, presso la sala stampa della Direzione nazionale dei Ds, un seminario sul programma delle attività dei Democratici di sinistra per gli italiani all’estero. Ai lavori hanno partecipato l’on. Marina Sereni responsabile del dipartimento esteri del Partito, l’on. Gianni Pittella responsabile per gli italiani all’estero, Norberto Lombardi, responsabile del Forum per gli italiani nel mondo e Francesca Marinaro, vice responsabile dipartimento organizzazione.

Hanno inoltre contribuito alla discussione gli interventi di Elio Carozza, segretario della direzione europea dei Ds, Giulio Calvisi responsabile nazionale per l’immigrazione, Rocco Curcio, responsabile del Consiglio dei lucani nel mondo della Basilicata e coordinatore Ds per il Sud Italia per gli italiani nel mondo, Daniele Marconcini, membro del coordinamento per il Nord Italia, e di numerosi rappresentanti dei Forum per gli italiani nel mondo. Cospicua è stata anche la presenza dei rappresentanti del partito all’estero, presenti a Roma in occasione della Conferenza Stato-Regioni-Province autonome-CGIE.

Nella relazione introduttiva di Pittella e nei successivi interventi - è detto in un comunicato - si è cercato di definire le linee di una serie di proposte alternative di ordine politico-culturale e programmatico relative all’informazione, alla solidarietà sociale, alla cultura, alla riforma della rappresentanza rispetto alle posizioni manifestate dal Governo di centro-destra e dalle forze che lo sostengono. Un aspetto che ha richiamato in modo particolare l’attenzione degli intervenuti è stato quello del rapporto con i partiti e i movimenti di sinistra dei paesi di residenza. Viva preoccupazione è stata anche espressa per lo stato di impreparazione dell’AIRE rispetto ai complessi adempimenti necessari a garantire la correttezza e la diffusione del voto per corrispondenza.

L’on. Marina Sereni, nel concludere la riunione, ha confermato l’attenzione e l’impegno del partito verso gli italiani all’estero per il valore che essi rivestono nella definizione di una identità aperta e plurima, per il contributo che possono dare al processo di nuova internazionalizzazione del paese e per la maturazione della dimensione transnazionale delle forze politiche. Ha inoltre confermato l’impegno, già espresso a Bruxelles nella riunione dei Ds in Europa del 3 marzo scorso, di coinvolgere su questi temi anche la Segreteria nazionale e le altre istanze di direzione del partito. (Inform)


Vai a: