* INFORM *

INFORM - N. 56 - 19 marzo 2002

Il Ministro dell'Istruzione Letizia Moratti alla Conferenza Stato-Regioni-CGIE

"Lingua e cultura per dare agli italiani all'estero il senso di appartenenza di cui hanno bisogno"

ROMA - Il ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca scientifica sta lavorando su diversi progetti che sono molto in linea con le esigenze degli italiani all'estero. Lo ha affermato il ministro dell'Istruzione Letizia Moratti nel suo intervento alla Conferenza Stato-Regioni-CGIE. Uno di essi - ha spiegato - è la creazione di un polo didattico a Buenos Aires che sviluppi una politica di istruzione universitaria con una formazione riconosciuta in entrambi i Paesi. Altro progetto, un consorzio tra 22 università per la diffusione della cultura e della lingua italiana all'estero.

Tema altrettanto importante quello della formazione professionale, che compete alle Regioni. Ci sarà un progressivo trasferimento di competenze da parte dello Stato, sul quale si sta già lavorando. Occorre fornire una formazione di alto livello che dia la possibilità di ottenere titoli spendibili sia in Italia che all'estero. Senza uno stretto raccordo su questi temi non sarà facile fornire ai ragazzi italiani all'estero gli strumenti necessari per un serio sviluppo sul piano professionale e delle reali opportunità di carriera presso le aziende italiane che si stanno sempre più affermando all'estero.

Altro tema importante la diffusione della lingua e della cultura italiana per la quale si riscontra una forte domanda e che è fondamentale per dare agli nostri connazionali nel mondo il senso di appartenenza di cui hanno bisogno. Il ministero - ha concluso Letizia Moratti - è impegnato a favore di iniziative tese alla diffusione della lingua e della cultura. mirate al raccordo con chi ha scelto di vivere all'estero ma sicuramente non ha scelto di non essere italiano. (Inform)


Vai a: