* INFORM *

INFORM - N. 54 - 17 marzo 2002

Programma 2002 per i Veneti nel Mondo

VENEZIA - Nelle linee programmatiche definitive per l'anno in corso a favore dei Veneti nel mondo, che saranno presto approvate dalla Giunta regionale, particolare attenzione sarà riservata agli interventi a favore dei corregionali d'Argentina e alle attività dei giovani. Le notizie più dettagliate che qui riportiamo sul programma 2002, discusso nel corso della riunione del Comitato permanente dei Veneti nel mondo, svoltasi il 15 febbraio presso l’Amministrazione provinciale di Padova, sono state pubblicate sul numero di marzo di "Veneti nel Mondo", rivista telematica della Regione Veneto.

E’ stata l’emergenza Argentina a tener banco alla riunione del Comitato permanente, convocato a Padova alla metà di febbraioper discutere il programma a favore dei Veneti nel mondo per l'anno in corso.

Infatti alla riunione, presieduta dall'assessore Raffaele Zanon, ha partecipato anche il presidente del CAVA (Comitato Associazioni Venete in Argentina), nonché membro del CGIE, Riccardo Merlo, che ha illustrato la condizione del Paese sud americano, con particolare riferimento allo sportello aperto a Cordoba per agevolare l’ingresso nel Veneto di lavoratori con cittadinanza italiana residenti in Argentina. Sulle 4.300 domande presentate fino alla data della riunione, più della metà sono di persone con doppia cittadinanza e quindi con il requisito necessario per la selezione. Con Merlo era presente anche Carlo Zagolin, figura "storica" dell’associazionismo veneto di Rosario, che ha evocato con toni commossi la difficile situazione che stanno vivendo i corregionali.

Un intervento straordinario a loro favore, anche se limitato, è previsto proprio dal programma in discussione. Si tratta di uno stanziamento da utilizzare per le spese di trasporto, stoccaggio e distribuzione di medicinali e generi di prima necessità che saranno messi a disposizione da enti e istituzioni nazionali e locali. Altri interventi sono poi previsti per facilitare l’inserimento lavorativo degli oriundi che intendono rientrare in Veneto, proseguendo nel sostegno ai due progetti sperimentali delle province di Padova e Vicenza e con l’auspicio che l’esempio sia seguito anche da altre province.

Tra le altre iniziative, verrà dato adeguato sostegno ad un meeting organizzato dai giovani del Sud America. L’incontro riveste una particolare importanza, soprattutto in quanto si porrà come tappa di un percorso che dovrà consentire la costituzione di una Confederazione mondiale dei giovani Veneti, cui aderiscano i giovani dei vari Paesi d’emigrazione.

Su questo solco di particolare attenzione data alle giovani generazioni, proseguirà l’impulso agli interventi in materia di formazione e di qualificazione professionale, agli stages presso Aziende e Università e ad ogni iniziativa che consenta di arricchire la conoscenza della specifica realtà rappresentata dalla Regione, approfondendo altresì nei giovani oriundi la propria identità veneta.

Importante novità nel settore dell'informazione. Il programma prevede l’avvio di una nuova esperienza editoriale, mediante un supplemento trimestrale della rivista "Messaggero di Sant’Antonio" dedicato interamente alle iniziative messe in cantiere dalla Regione e all’analisi ed ascolto della realtà delle comunità venete all’estero, a prescindere da ambiti strettamente campanilistici e provinciali.

Sostegno verrà garantito anche alla promozione curata dalle Associazioni iscritte al registro regionale in Italia e all’estero, previa verifica della valenza regionale dei progetti proposti, mentre verrà ampliata la mostra itinerante sulla realtà veneta.

Presentata in anteprima a Padova, la mostra ha riscosso un lusinghiero successo sia in termini di visitatori che di positività di giudizi e sarà esposta anche negli appuntamenti di Berlino e del meeting dei giovani oriundi del Sud America. Essa è a disposizione di enti, istituzioni e scuole che la richiedano.

Confermati nel programma gli abbonamenti, ormai collaudati, di riviste per i circoli all’estero e le trasmissioni radiofoniche per le radio etniche all’estero, nonché il sostegno ai Comitati e alle Federazioni operanti all’estero, per i quali è prevista la prossima iscrizione al registro regionale di tre nuove realtà.

Infine, un'importante occasione di incontro e costruzione di obiettivi comuni sarà costituita dalla prossima Conferenza Permanente dei Veneti nel mondo, che si svolgerà nella Regione e vedrà discusse le direttrici programmatiche per il triennio 2003-2005. (Veneti nel Mondo/Inform)


Vai a: