* INFORM *

INFORM - N. 52 - 14 marzo 2002

Le Terme toscane alla Borsa del Turismo di Berlino

FIRENZE - Sarà l’offerta termale toscana il cuore dello stand che la Regione Toscana, con il supporto organizzativo di Apet, l’agenzia per la promozione economica, ha allestito per la Borsa Internazionale del turismo di Berlino, che apre i battenti il 16 marzo. Non può che essere così, visto che la Toscana è una regione leader in questo campo, dove è presente il 14,1% del totale dei centri termali iscritti alla Federterme e dove, anche alla luce di una recente indagine compiuta dal Censis, le potenzialità di sviluppo del termalismo e della sua più moderna evoluzione, le beauty-farm, appaiono enormi.

Nel corso del 2000 le presenze totali nel settore sono state superiori ai 4 milioni, con un aumento del 3,3% da attribuire, soprattutto, alla componente straniera, cresciuta in un anno del 12,7%. Un piccolo esercito che vede, in testa alla classifica, proprio i turisti tedeschi, da sempre estimatori della Toscana e oggi convinti sostenitori del turismo del benessere e del relax.

Le novità e le proposte che la Toscana mette in campo per soddisfare questa nuova voglia di benessere e di relax saranno al centro della conferenza stampa prevista all’interno dello stand, nel maxi padiglione dell’Enit-Italia e organizzata insieme all’Enit e al Consorzio Toscana Termale a cui parteciperanno l’assessore al commercio, turismo e terme Susanna Cenni e il direttore dell’Apet Mauro Ginanneschi.

Che la Toscana, la più termale delle regioni italiane, possa aspirare a competere con le principali realtà a livello internazionale lo dimostrano, prima di tutto, i numeri: nelle realtà termali toscane, a cominciare dalle più rilevanti di Montecatini e Chianciano, si registrano 27 aziende termali, 39 stabilimenti, con una ricettività nelle aree termali pari al 9,3% dei posti letto regionali. Ma accanto alle terme, sarà l’intera offerta turistica toscana ad essere presentata a Berlino. Fra le altre, domenica 17 è prevista un’iniziativa promossa dalla Camera di commercio di Siena cui parteciperanno, oltre all’assessore Cenni, il sindaco di Siena e le altre istituzioni locali con l’obiettivo di lanciare il marchio delle "Terre di Siena". (bc-Inform)


Vai a: