* INFORM *

INFORM - N. 52 - 14 marzo 2002

In vista della Conferenza Stato-Regioni-Provincie Autonome-CGIE

L'UFARS chiede l'armonizzazione delle leggi regionali in materia di migrazione

ZURIGO - In Svizzera operano ben 295 Associazioni regionali accreditate presso l’Ambasciata. Il 6 novembre del 1994, dopo una più che decennale attività congiunta di diverse Federazioni regionali, si diede vita all'Unione delle Federazioni di Associazioni Regionali in Svizzera (UFARS ). L'UFARS è una realtà unica tra comunità degli italiani nel mondo e c'è da augurarsi che si creino realtà simili in altre nazioni per poter poi realizzare un Coordinamento delle varie Unioni delle Federazioni di Associazioni Regionali nel Mondo (CUFARM).

L’UFARS ha sostenuto l’introduzione in Italia del Federalismo Regionale, che, votato dal popolo italiano, contribuisce a potenziare il ruolo delle Regioni nella vita economica e socio-culturale. L'UFARS, pertanto, invita il governo italiano a rispettare la volontà del popolo italiano e a non lasciarsi prendere da richieste "selvagge" di autonomia che possono mettere in pericolo l'unità nazionale e l'eguaglianza tra Italiani.

Negli ultimi decenni, tutte le Regioni si sono munite di leggi per la migrazione. Alcune di queste leggi continuano a mantenere un carattere essenzialmente pseudo-assistenzialistico, mentre altre, recependo il salto di qualità dei Corregionali nel mondo, hanno facilitato, tra l'altro, una più metodica e continua promozione e commercializzazione all’estero di prodotti tipici regionali.. Per conferire a tutte le Regioni una pari accelerazione sono necessari interventi politici e legislativi ben finalizzati, e, nel rispetto delle singole autonomie, una "armonizzazione" delle leggi regionali in materia di migrazione, nelle quali vengano ripresi alcuni aspetti come:

L'UFARS, per concludere, sollecita le Istituzioni nazionali e regionali ad impegnarsi a realizzare quanto proposto in questo documento e in quelli che scaturiranno dalla Conferenza stessa. (Inform)


Vai a: