* INFORM *

INFORM - N. 51 - 13 marzo 2002

Riforma dei Comites: in un ordine del giorno le osservazioni del Comites di Stoccarda

STOCCARDA - In vista dell'esame da parte della riunione plenaria delle sei Commissioni tematiche del CGIE, prevista a Roma per giovedì 21 marzo, del disegno di legge sulla riforma dei Comites, il Comites di Stoccarda ha approvato, il 9 marzo scorso, l'ordine del giorno che qui riportiamo.

Il Comites della Circoscrizione Consolare di Stoccarda

premesso che la riforma della legge dei Comites è urgente e necessaria per poter ben adempiere alle funzioni istituzionali di rappresentanza della nostra collettività

constatato che la legge di riforma deve contemplare chiaramente:

  1. un finanziamento che permetta una attività adeguata alla dimensione della Circoscrizione e al numero dei residenti, e che deve giungere nel primo trimestre dell'anno finanziario;
  2. vengano sancite le incompatibilità fra Presidente Comites e Membro del CGIE, così come fra Rappresentane legale di un Ente gestore e Rappresentante legale dei Comitati di assistenza e Membro del Comites;
  3. per ben rappresentare la sensibilità della nostra comunità nella nostra Circoscrizione consolare siamo dell'avviso che la collettività che supera le 100mila unità deve avere un Comites di 24 componenti, quella inferiore di 12 membri;
  4. nei consolati si mantenga continuamente aggiornata l'anagrafe consolare per permettere agli aventi diritto di partecipare alle consultazioni elettorali, evitando i problemi che ben tutti conosciamo;
  5. si vari l'opportunità di istituire una "istanza superiore" per redimere quei contenziosi che sorgono regolarmente e parallelamente alla nascita di ogni Comites;
  6. si studi la possibilità di riservare una azione informativa adeguata con il coinvolgimento della stampa periodica, della radio e della televisione, anche in vista degli impegni che si è chiamati ad adempiere con l'attuazione della legge ordinaria sull'esercizio del voto all'estero.

Ciò premesso, il Comites di Stoccarda accoglie lo spirito che traspare dal documento elaborato dalla terza Commissione tematica del CGIE "Diritti civili, politici e partecipazione", che va accolto per rendere i Comites più vicini alle necessità delle singole comunità, ciò che più volte è stato reclamato anche dal Comites della Circoscrizione consolare di Stoccarda. (Inform)


Vai a: