* INFORM *

INFORM - N. 45 - 6 marzo 2002

Unione dei Democratici di Sinistra in Europa: Ordine del giorno sugli Istituti Italiani di Cultura

BRUXELLES - La direzione dei Democratici di Sinistra in Europa riunita a Bruxelles il 3 marzo 2002, prende atto, con estrema preoccupazione, degli sconcertanti sviluppi della politica del Governo di centrodestra in tema d’attività degli Istituti Italiani di Cultura.

Gli interventi governativi in merito alla conduzione ed alle manifestazioni organizzate od ospitate dagli Istituti, sono espressione di un’ingerenza nell’autonomia degli Istituti Italiani di Cultura e di una censura che è per noi inaccettabile.

Le interrogazioni parlamentari intimidatorie, le inquisitorie ispezioni ministeriali e la rimozione dei vertici degli Istituti colpevoli di aver presentato o proposto libri o film "non graditi", o di aver dichiarato le proprie tendenze sessuali, non sono che gli esempi più inquietanti del tentativo di una "normalizzazione" degli Istituti Italiani di Cultura.

Per noi, cultura è l’espressione più alta e composita di tutti gli aspetti sociali e politici di un Paese, nella loro periodizzazione storica e nelle diverse accezioni, ed in tal senso gli Istituti Italiani di Cultura hanno svolto e devono svolgere una funzione essenziale.

I Democratici di Sinistra condannano le ingerenze governative e sollecitano l’attenzione particolare di tutte le forze democratiche del Paese, affinché gli Istituti Italiani di Cultura continuino a svolgere in autonomia questo ruolo fondamentale che l’ordinamento legislativo vigente assegna loro. (Inform)


Vai a: