* INFORM *

INFORM - N. 42 - 1 marzo 2002

"Ferma la speculazione finanziaria": l'Istituto Fernando Santi a favore della campagna per l'attuazione della Tobin Tax

ROMA - L’Istituto Fernando Santi sottolinea l’importanza dell’adesione alla campagna "Tassa Tobin subito", promossa da "Attac Italia". La tassazione delle transazioni valutarie di natura speculativa è un obiettivo democratico posto all’attenzione mondiale dalla iniziativa di ampi settori politici e sociali riformisti. Oggi, anche in Italia, si sta estendendo un movimento associativo che mira all’attuazione della "Tassa Tobin", non solo nel nostro Paese, ma in tutta l’Europa. Associazioni, ma anche organizzazioni sindacali importanti e radicate nei posti di lavoro, quale la Funzione Pubblica CGIL, la Federazione che organizza la maggior parte degli iscritti al sindacato nel pubblico impiego, partecipano alla mobilitazione per la proposta di legge di iniziativa popolare, per attuare in Italia la "Tassa Tobin".

La libertà di circolazione dei capitali porta con sé fenomeni di speculazione. Una delle forme di speculazione finanziaria è quella riguardante le monete. Speculazioni di questo tipo destabilizzano i mercati finanziari e, a volte, provocano vere e proprie crisi finanziarie a livello internazionale.

La Tobin Tax si pone lo scopo di disincentivare tali pratiche speculative attraverso l'applicazione di una aliquota molto bassa su tutte le compravendite di valute (nella proposta di legge italiana d'iniziativa popolare è fissata allo 0,002%). I liberisti la combattono perché hanno capito il pericolo che rappresenta: applicare la tassa significa ammettere che la speculazione è nociva, che i mercati vanno tenuti sotto controllo dal potere pubblico. Gli speculatori, con la Tobin Tax, ad ogni compravendita di una "divisa" saprebbero di dover pagare una tassa equivalente al profitto che avevano fatto conto di ricavare. Ma allora il gioco, come si suol dire, non varrebbe la candela.

James Tobin, premio Nobel per l'economia nel 1981, è l'ideatore di tale tassazione i cui proventi dovrebbero essere destinati per interventi sociali in Italia e nei paesi che hanno bisogno di sostegni per avviare politiche di sviluppo. La rivendicazione della Tobin Tax deve essere collegata alla lotta per la regolazione del commercio internazionale ed alla necessaria rifondazione, su basi diverse, delle istituzioni finanziarie internazionali. La Tobin Tax, nel mondo, ha ricevuto apprezzamenti da un composito ed esteso schieramento di forze sociali e politiche di diversa ispirazione ma "schierate" nella affermazione dei valori della solidarietà e dei diritti delle persone. Le prime iniziative per l'adozione della Tobin Tax si sono prodotte in Francia su stimolo dei socialisti e di altre forze della sinistra, da le Monde Diplomatique e soprattutto della associazione Attac.

Ora, anche in Italia, diversi soggetti sociali, sono impegnati, insieme ad Attac Italia a far sì che, attraverso la promozione della Tobin Tax e la relativa raccolta delle firme per la legge d'iniziativa popolare, si trovi il modo di contribuire al superamento delle sperequazioni fra diverse aree e fra diversi paesi, recuperando a migliori condizioni di vita persone che per il prevalere delle ragioni dell’esclusivo profitto, sono state e sono, a tutt’oggi condannate a incerte condizioni di vita. (Inform)


Vai a: