* INFORM *

INFORM - N. 40 - 27 febbraio 2002

Il Veneto punta sulla Germania per il suo sviluppo turistico

VENEZIA - Ci sono ancora fasce del turismo tedesco che non hanno ancora, sia pure marginalmente, conosciuto appieno l'offerta del turismo veneto: Venezia, città d'arte, terme, Dolomiti, lago di Garda, spiagge del litorale (Bibione, Caorle, Jesolo, Sottomarina-Chioggia e Rosolima Mare). In verità, il Veneto registra da tempo un forte numero di turisti tedeschi, ma si tratta di persone del sud della Germania, Baviera in particolare. Da uno studio realizzato dalla Regione, recentemente reso noto al Salone "Tecnobar" della Fiera di Padova dall'assessore regionale al turismo Floriano Pra, è emerso che ci sono ancora ulteriori possibilità di recuperare turisti tedeschi del nord (bacino Ruhr e Amburgo) che finora hanno preferito far vacanza in altri Paesi (Grecia, Turchia, Spagna).

Oggetto dello studio un campione di 800 tedeschi i quali hanno dichiarato di preferire le località di mare (59,4%), seguono le città d'arte (19,7%), la montagna (10,7%) e infine le escursioni e il lago (7,9 e 2.2%). Secondo i tedeschi, il Veneto dovrebbe migliorare tutta la parte ambientale, naturalistica e sportiva e unanime è stato l'assenso alla buona enogastronomia veneta ma non sui costi del soggiorno e sulle infrastrutture e viabilità. La comunicazione del prodotto turistico è efficace per 1 tedesco su 4. Il mezzo prevalente è l'agenzia turistica, ha detto Mario Gallan, capo struttura dello studio padovano che ha eseguito la ricerca.

L'assessore Pra, a conclusione di un dibattito cui hanno preso parte, tra gli altri, esponenti del turismo tedesco, dell'Enit, di Confturismo veneto, ha detto che la Regione intende ampliare il raggio d'azione di promozione turistica in quei Laender tedeschi indicati dallo studio e che i cosiddetti "servizi aggiuntivi" rappresentano quell'area di miglioramento della vacanza, cui va compresa la scelta ambientale e migliorata la sicurezza. Una linee che la Regione, attraverso i Consorzi di promozione pubblici e privati, sta portando avanti assieme ad altre iniziative di supporto al settore delle ricettività alberghiera e turistica in generale. (Veneti nel Mondo/Inform)


Vai a: